Andreoni (PD): necessario puntare a iniziative con l’Ente Regionale per gli alloggi popolari

2' di lettura 28/10/2008 - Per quanto concerne la realizzazione di alloggi da destinare alle fasce sociali più deboli ritengo necessario puntare soprattutto a iniziative con l\'Ente Regionale per gli alloggi popolari (attuale ERAP ex IACP) soggetto deputato per legge alla realizzazione e gestione di questo tipo di abitazioni.

Per quanto concerne la realizzazione di alloggi da destinare alle fasce sociali più deboli ritengo necessario puntare soprattutto a iniziative con l\'Ente Regionale per gli alloggi popolari (attuale ERAP ex IACP) soggetto deputato per legge alla realizzazione e gestione di questo tipo di abitazioni. Poco è stato fatto ad Osimo in questi ultimi nove anni, solo due Piani di Edilizia Economica e Popolare (PEEP), a fronte di previsioni del vecchio PRG di realizzazione di centinaia di alloggi popolari in varie parti del territorio, compresa Osimo città.

Non per nulla diversi Comuni della Provincia, tra cui Ancona, Senigallia, Jesi, Falconara, ecc. hanno già da tempo attivato programmi di edilizia sociale in accordo con l\'ERAP, che ha un esperienza maturata in decenni di attività in questo specifico settore. Ritengo un grave errore ricorrere all\'esclusiva iniziativa dei privati per far fronte alle impellenti e gravi esigenze di fabbisogno di alloggi da parte di una fascia di persone e di famiglie che sta diventando sempre più ampia e diversificata.

Non credo possa essere una soluzione sostenibile nel tempo quella di finanziare temporaneamente quote di canoni di locazione o di mutui per l\'acquisto della prima casa. Penso invece che sia necessario procedere all\'attivazione di un vero e proprio \"Piano Casa per Osimo\" attraverso il coinvolgimento dell\'ERAP, con il supporto integrativo del sistema cooperativo e delle imprese locali, al fine di realizzare alloggi a canone calmierato e accessibile ricorrendo a tutte le forme di finanziamento già disponibili per effetto della legge 133 del 2008 e della legge regionale sull\'edilizia sociale.

Il Piano Casa dovrebbe individuare prioritariamente la possibilità di ricorrere alla ristrutturazione di immobili esistenti che già godono di una posizione interna alla città e che quindi possono usufruire dei servizi esistenti e favorire allo stesso tempo l\'integrazione sociale e la rivitalizzazione del centro città, della sua immediata periferia e delle frazioni. Tali interventi sul patrimonio edilizio esistente avrebbero inoltre la finalità di migliorare gli edifici in rapporto ai consumi energetici ed alla qualità architettonica, evitando così ulteriore spreco di suolo libero da lasciare invece ai sempre più necessari usi produttivi agricoli.

Cercherò pertanto di farmi parte attiva nel promuovere attività ed iniziative nella direzione di costruire un Piano Casa per l\'edilizia sociale integrato e sostenibile degno di questo nome e all\'altezza delle complesse e rilevanti problematiche presenti all\'interno della nostra città.


da Paola Andreoni
Presidente Consiglio Comunale Osimo





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 28 ottobre 2008 - 804 letture

In questo articolo si parla di attualità, osimo, paola andreoni, pd





logoEV
logoEV