utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Castelfidardo: distribuzione alle famiglie di un pieghevole informativo sull\'ospedale dell\'Aspio

5' di lettura
1422

Un pieghevole elaborato dal PD della provincia di Ancona e dalla sede locale di Castelfidardo nei prossimi giorni verrà distribuito a tutte le famiglie del comune di Castelfidardo. Il pieghevole spiega le ragioni che hanno portato all\'individuazione del nuovo sito dell\'Apio per la costruzione dell\'ospedale di rete. L\'obiettivo che si pone questa azione politica è quello di informare la cittadinanza sulle potenzialità della nuova struttura progettata all\'Aspio.

LA NUOVA STRUTTURA OSPEDALIERA CHE SARA\' REALIZZATA A CAMERANO (ZONA ASPIO) RIUNISCE IN UN UNICO COMPLESSO:

  • L\'OSPEDALE DI RETE DELL\'AREA DELLA VALMUSONE
  • L\'INRCA
  • l\'AGENZIA NAZIONALE PER LE PROBLEMATICHE DELL\'INVECCHIAMENTO (L\'AGENZIA PER LA TERZA ETA\')


OLTRE DUE TERZI DEI RICOVERI DI PAZIENTI DEI COMUNI DELLA VALLE DEL MUSONE RIGUARDANO CITTADINI CON PIU\' DI 65 ANNI.

LA SOLUZIONE APPROVATA DALLA REGIONE GARANTISCE LA REALIZZAZIONE DEL NUOVO OSPEDALE IN cinque ANNI.

DUE STRUTTURE OSPEDALIERE (QUELLO DI RETE E QUELLO PER L\'AGENZIA DELLA TERZA ETA\'-INRCA) NON SAREBBERO STATE FINANZIATE DAL GOVERNO.

LA SCELTA DI CAMERANO-ASPIO E\' STATA FATTA SULLA BASE DEI CRITERI DEFINITI DEL MINISTERO DELLA SALUTE (ACCESSIBILITA\', IDONEITA\' GEOMORFOLOGICA DEL SITO, VIABILITA\', FABBISOGNI, RICOVERI, ECC.) E DEGLI INDIRIZZI DEL PIANO SANITARIO.

SECONDO I CRITERI NAZIONALI PER LA REALIZZAZIONE DI STRUTTURE OSEDALIERE, L\'AREA DI SAN SABINO, FRA LE NOVE ZONE CONSIDERATE, ERA AL PENULTIMO POSTO, QUINDI FRA LE MENO IDONEE. QUELLA DI ACQUAVIVA ERA AL PRIMO POSTO SOLO PER IL PARAMETRO GEO-MORFOLOGICO MA NON PER GLI ALTRI.


L\'AREA DEL NUOVO OSPEDALE HA UNA LOCALIZZAZIONE CHE risponde alLE ESIGENZE DEL TERRITORIO dell\'intera area DELLA VALLE DEL MUSONE. LO STESSO COMUNE DI OSIMO, CHE AVEVA INDICATO ALLA REGIONE CINQUE ZONE, NE AVEVA EVIDENZIATA UNA A POCHE CENTINAIA DI METRI DA QUELLA SCELTA, DALLA PARTE OPPOSTA DELLA STRADA STATALE.

QUELLA DI ASPIO-CAMERANO E\' QUINDI LA SOLUZIONE CHE PER LA GRAN PARTE DEI CITTADINI DELL\'INTERA AREA OFFRE ANCHE I MINORI TEMPI DI ACCESSO.

La nuova struttura avrà 250 posti letto sistemati in stanze doppie e singole in grado di ospitare 13-14.000 ricoveri e sei sale operatorie.

I posti letto saranno divisi per intensità di cura: 10 intensive care; 120 high care, 12 di astanteria, 56 low care, 40 per day hospital, 12 PER dialisi e attesa osservata in pronto soccorso.

la superficie coperta sarà di circa 36 mila metri quadri.

Il corpo della struttura sarà articolato in tre blocchi funzionali tra loro collegati, REALIZZAti SU 4 livelli di cui tre esterni e unO seminterrato:

  • degenza (8.600- 9.000 metri quadrATI)
  • ricerca biomolecolare (5.000 mETRI QUADRATI)
  • piattaforma tecnologica di diagnosi e cura (5.000 metri quadrATI)
  • servizi generali sanitari (2.900 metri quadrATI)
  • SERVIZI GENERALI NON SANITARI (uffici, magazzini, cucina, mensa, bar PER COMPLESSIVI 6.770 METRI QUADRATI).

Saranno presenti SICURAMENTE le seguenti discipline:

  • chirurgia generale
  • urologia
  • utic
  • lungodegenza
  • cardiologia
  • malattie endocrine
  • geriatria
  • medicina generale
  • nefrologia
  • neurologia
  • dermatologia
  • pneumologia
  • emodialisi
  • rieducazione funzionale.



    Per consentire un\' efficace attivitA\' di diagnosi e cura sono inoltre previsti:

  • CIRCA 30 AMBULATORI
  • 3 punti prelievo
  • l\'unità di riabilitazione
  • il centro trasfusionale
  • il pronto soccorso
  • l\'area Obi
  • il blocco operatorio con sei sale
  • i servizi di diagnostica (Tac, Risonanza magnetica,Mammografia, radiologia, eco), l\'endoscopia, la medicina nucleare con sale Pet e sale Gamma.

LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA STRUTTURA OSPEDALIERA SI ACCOMPAGNera\' AL POTENZIAMENTO DEI SERVIZI sanitari SUL TERRITORIO.


IL PARTITO DEMOCRATICO E\' IMPEGNATO AFFINCHE\'

LA REGIONE MARCHE:

  • REALIZZI LA NUOVA STRUTTURA OSPEDALIERA NEI TEMPI BREVI PREVISTI

  • POTENZI DA SUBITO I SERVIZI SANITARI NEI COMUNI

  • INDIVIDUI, INSIEME CON GLI AMMINISTRATORI LOCALI, GLI ULTERIORI SERVIZI E GLI INTERVENTI SOCIO-ASSISTENZIALI COMPLEMENTARI AL NUOVO OSPEDALE.

  • GARANTISCA, CON PARTICOLARE ATTENZIONE, I SERVIZI SANITARI DI LORETO PER L\'ENORME AFFLUSSO DI PELLEGRINI ALLA SANTA CASA

  • PREVEDA NEL NUOVO OSPEDALE ANCHE GINECOLOGIA-OSTRETICIA



LE RIVENDICAZIONI DI CAMPANILE DELLA \"VECCHIA POLITICA\" NON SERVONO E NON AIUTANO A RISOLVERE IL PROBLEMA.

I PICCOLI OSPEDALI NON SONO INFATTI PIU\' FINANZIATI DAL GOVERNO E VANNO RICONVERTITI IN STRUTTURE TERRITORIALI POLIFUNZIONALI PER LE PRESTAZIONI DI PRIMA NECESSITA\', ATTREZZATE PER LE NECESSITA\' PRESENTI E FUTURE.



100 milioni di investimenti, con un concorso a livello europeo per la progettazione e la realizzazione nell\'arco di un quinquennio, sono LA prova concreta della volonta\' di MANTENERE L\'IMPEGNO CON I CITTADINI.

QUELLO CHE INTERESSA A TUTTI, ANCHE A TE, E\' CHE I SERVIZI CI SIANO E SIANO FACILMENTE ACCESSIBILI.

LA SCELTA DELLA REGIONE FA NASCERE UN POLO D\'ECCELLENZA SANITARIA DI LIVELLO NAZIONALE AVANTAGGIO DI TUTTI I CITTADINI DELL\'AREA.

E\' PERCIO\' ORA DI LAVORARE COMPATTI PER REALIZZARE IL NUOVO OSPEDALE.

ALCUNI CONSIGLIERI DI ALLEANZA NAZIONALE E DI FORZA ITALIA SONO INVECE ANDATI A ROMA DAI LORO MINISTRI PER CHIEDERE DI NON FINANZIARE LA PROPOSTA DELLA REGIONE MARCHE perche\', se dovessero vincere le PROSSIME ELEZIONI POI \"non si fara\' nulla\"!!!!!


LA DESTRA SI ATTIVA PER NON FAR ARRIVARE I SOLDI AL TERRITORIO PER L\'OSPEDALE, UNA STRUTTURA CHE SERVE A TUTTI!!! E\' UNA VERGOGNA.

IL TEMPO DELLE RECRIMINAZIONI E DELLA DEMAGOGIA PER FINI ELETTORALI DI QUALCHE SINDACO FA PARTE DEL TEATRINO DELLA VECCHIA POLITICA.


IL PARTITO DEMOCRATICO E\'

PER LA POLITICA DEL FARE,

PER FARE PRESTO

E PER FARE BENE

NELL\'INTERESSE DI TUTTI I CITTADINI

DI TUTTI I COMUNI INTERESSATi

NOI SIAMO

PER FARE L\'OSPEDALE



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 25 ottobre 2008 - 1422 letture