Andreoni (PD): Osimo vuole garantire ai suoi figli una istruzione di qualità

2' di lettura 10/10/2008 - Un paese che cerca di reperire le risorse da spendere in politiche a mio parere errate (vedi vicenda Alitalia) tagliando dalla scuola è un paese che non crede nel proprio futuro, che ha deciso di smettere di investire sui propri ragazzi.Oppure è un paese dove l\'istruzione di qualità è un diritto solo per quelli che se la possono permettere.

Parlando del decreto legge Gelmini, sul quale il governo ha oggi \"imposto\" la fiducia, che principalmente prevede tagli per 8 miliardi alla scuola, è sempre stato detto che quegli 87.400 insegnanti in meno non sono licenziamenti ma blocco del turn over. Nella scuola c\'è necessità di razionalizzare ma questo eccessivo taglio mira ad abbassare la qualità dell\'insegnamento. Oltre alle altre novità già annunciate, sono state confermate nel testo la parte riguardante il maestro unico per le primarie, con classi da 24 ore. Questo significa abolire di fatto il tempo pieno, opportunità della quale usufruiscono già oggi la gran parte delle famiglie.


Un paese che cerca di reperire le risorse da spendere in politiche a mio parere errate (vedi vicenda Alitalia) tagliando dalla scuola è un paese che non crede nel proprio futuro, che ha deciso di smettere di investire sui propri ragazzi. Oppure è un paese dove l\'istruzione di qualità è un diritto solo per quelli che se la possono permettere.


I consiglieri comunali del Partito Democratico osimano nell\'esprimere forte preoccupazione per il modo con cui il Governo sta intervenendo nell\'organizzazione della scuola e sulla qualità della didattica, attraverso un provvedimento d\'urgenza come il decreto legge , motivato da esigenze di cassa, formulano il più netto dissenso verso la scelta di tornare al docente unico nei primi anni della scuola primaria, e nell\'interesse dei bambini, delle famiglie e del futuro del nostro Paese, chiedono al Governo di riconsiderare la questione.


A tal fine ho presentato oggi un Ordine del Giorno da sottoporre al civico consesso, perché si possa esprimere una vasta e consapevole opinione istituzionale e sociale a favore della scuola e contro tagli e scelte così preoccupanti, per determinare un diverso indirizzo a garanzia della scuola di tutti.


da Paola Andreoni
Presidente Consiglio Comunale Osimo





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 10 ottobre 2008 - 864 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, paola andreoni, pd