Andreoni (PD): tagli alla sicurezza e alla difesa per oltre 3,5 miliardi di euro

5' di lettura 05/10/2008 - Il Partito Democratico di Osimo, aderendo ad una  iniziativa nazionale, sostiene la campagna di mobilitazione unitaria avviata dalle categorie sindacali attraverso la presentazione di un ordine del giorno proposto al civico consesso osimano, affinché lo stesso si pronunci, sui tagli previsti per la sicurezza e la difesa, per sensibilizzare i cittadini sui pericoli per la sicurezza del Paese derivante dai tagli e sollecitare il governo perché rispetti gli impegni presi.

Dopo la definitiva conversione in legge del Decreto Legge n. 112, avvenuta prima della pausa estiva, che ha previsto tagli alla sicurezza e alla difesa per oltre 3,5 miliardi di euro, il Governo aveva assunto impegni a realizzare investimenti sulla sicurezza e la difesa con la Legge Finanziaria per il 2009. Alla ripresa dell\'attività, alla vigilia della presentazione da parte del Governo del disegno di legge finanziaria per l\'anno 2009, non abbiamo segnali in tal senso, e anzi è a rischio il rinnovo contrattuale del comparto Sicurezza e Difesa.


Il Partito Democratico di Osimo, aderendo ad una iniziativa nazionale, sostiene la campagna di mobilitazione unitaria avviata dalle categorie sindacali attraverso la presentazione di un ordine del giorno proposto al civico consesso osimano, affinché lo stesso si pronunci, sui tagli previsti per la sicurezza e la difesa, per sensibilizzare i cittadini sui pericoli per la sicurezza del Paese derivante dai tagli e sollecitare il governo perché rispetti gli impegni presi.


I tagli alla sicurezza per 3,5 miliardi di euro nel prossimo triennio mettono a rischio la possibilità di continuare a mantenere livelli accettabili di sicurezza per i cittadini e, nello specifico, questi tagli impediranno l\'acquisto di autovetture, mezzi strumenti utili per svolgere il servizio, senza contare la riduzione complessiva nel triennio dell\'organico delle Forze di Polizia a fronte dei nuovi provvedimenti legislativi che attribuiscono nuove incombenze alle Forze dell\'Ordine e alle Forze Armate.


Segue l\'Ordine del Giorno proposto in data 2 ottobre 2008:

Alla c.a. Sig. Presidente del Consiglio Comunale Comune Osimo


ORDINE DEL GIORNO


oggetto: No ai tagli al Comparto Sicurezza e Difesa previsti dal Governo.


I sottoscritti Consiglieri Comunali del Partito Democratico propongono la trattazione urgente del seguente ordine del giorno da discutere, nella prossima riunione del Consiglio Comunale.


premesso che
- la sicurezza urbana, intesa come effettivo contenimento dei fatti criminosi sul territorio, come coesione sociale e rimozione dei fenomeni che disturbano e comprimono l\'effettiva libertà dei singoli, è oggi un fattore discriminante per la qualità della vita delle persone;
- il Consiglio Comunale di Osimo, in sintonia con i cittadini singoli ed organizzati, si è più volte pronunciato con propri atti deliberativi per sollecitare la messa in atto di politiche tese a garantire la sicurezza dei cittadini e a contrastare efficacemente la criminalità organizzativa e le situazioni di conflitto che generano specifici episodi di violenza;
- la complessiva domanda di sicurezza che i cittadini avanzano con fermezza e correttezza alle Istituzioni, ivi compresa l\'Amministrazione Comunale, necessita che vengano messe in atto coerentemente e tempestivamente, politiche, azioni e specifici interventi tesi a sconfiggere tali degenerazioni e a riportare la convivenza ai livelli ai quali la nostra collettività è abituata;
- gli impegni assunti dal Governo con la firma del Patto per la sicurezza, oltre alla ricerca della massima integrazione tra le Istituzioni nelle politiche di prevenzione, educazione e contrasto ad ogni forma di illegalità, prevedevano anche l\'impegno da parte del Ministero a realizzare al più presto l\'allargamento degli organici delle Forze dell\'Ordine presenti sul territorio;
considerato che
- con il Decreto Legge n. 112 emanato il 25 giugno scorso riguardante la manovra correttiva del bilancio dello Stato per il triennio 2009/2011 sono stati previsti \"tagli\" per oltre tre miliardi di euro sui capitoli di spesa della \"sicurezza\" e della \"difesa\" delle Amministrazione dello Stato;
- è stata prevista la riduzione complessiva nel triennio dell\'organico delle Forze di Polizia e delle Forze Armate di circa 40.000 operatori dovuta sia al mancato turn over del personale che alla sospensione volontaria dal servizio e/o collocamento \"coatto\" in pensione per anzianità \"contributiva\";
- è prevista la riduzione del 50% all\'anno di stanziamenti per remunerare le indennità direttamente connesse all\'operatività, che come è noto incidono direttamente sui servizi in strada e sul controllo del territorio e conferma la mancata previsione di interventi di detassazione del lavoro straordinario, già concesso al settore privato, e/o delle indennità accessorie;
- è prevista la riduzione del 40% della retribuzione accessoria in caso di malattia e infortuni sul lavoro;

- il provvedimento contiene decisioni che vanno in netta controtendenza con l\'obiettivo dichiarato di collocare la sicurezza in cima alle priorità dell\'azione di Governo, quale indispensabile premessa della possibilità di sviluppo di questo Paese;


IL CONSIGLIO COMUNALE di OSIMO

invita


- il Governo a modificare l\'impostazione della manovra finanziaria e a rivedere in sede di conversione in legge il contenuto del decreto, affinchè siano ripristinate le condizioni di piena funzionalità operativa degli apparati per garantire al meglio la sicurezza dei cittadini;
- la Giunta a mettere in atto tutte le iniziative di mobilitazione possibili al fine di coinvolgere i cittadini ed esigere il mantenimento degli impegni assunti dal Governo;
esprime
il proprio sostengo alle lotte e alle richieste dei sindacati delle Forze dell\'Ordine (Polizia di Stato, Polizia Penitenziaria e Corpo Forestale dello Stato) e dei COCER del Comparto Sicurezza Carabinieri e Guardia di Finanza e Difesa (Esercito, Marina Militare, Aeronautica Militare).

Osimo il 1 ottobre 2008


Il capogruppo consigliare del PG Paola Andreoni f.to
Il consigliare comunale del PD Massimo Luna f.to
Il consigliare comunale del PD Mauro Pellegrini f.to
Il consigliare comunale del PD Graziano Piergiacomo f.to
Il consigliare comunale del PD Pierluigi Ramazzotti f.to

da Paola Andreoni
Presidente Consiglio Comunale Osimo





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 06 ottobre 2008 - 979 letture

In questo articolo si parla di attualità, osimo, paola andreoni, pd





logoEV
logoEV