Swap, oggi la delegazione a Verona

2' di lettura 02/10/2008 - Al momento l\'avanzo, stimato in una cifra vicina ai 300.000€, è stato congelato e rimane al sicuro nelle casse comunali. Per fare il punto della situazione, proprio oggi una delegazione è partita per Verona per confrontarsi con i vertici bancari circa la più positiva evoluzione o risoluzione del contratto.

\"Un\'operazione avventata, sbagliata.\" Non usa mezzi termini il consigliere Rosalia Alocco (coordinatrice Grande Centro) e condanna la scelta fatta a suo tempo dal Comune (era il 2001) di firmare dei contratti swap con la Cariverona e in secondo momento (2005) con l\'Unicredit, al cui gruppo Cariverona appartiene. Osimo si trova ora vincolata da un accordo valido fino al 2018 che mette in gioco liquidità pubbliche in base all\'andamento sul mercato dei tassi di interesse relativi a mutui accesi per un totale di 15mln: se i tassi scendono, il Comune guadagna, se salgono, perde soldi, e con la crisi che sta attanagliando l\'economia globale non si scherza. \"Non credo che si riuscirà ad arrivare a una chiusura del contratto. -l\'Alocco non è ottimista- ammettiamolo pure: in questo caso il Comune potrebbe essere costretto a sborsare per uscire dall\'accordo cifre fino a 3mln, denaro pubblico, stimabile in una perdita per le tasche di ciascun cittadino di 100€.\"

Al momento l\'avanzo, stimato in una cifra vicina ai 300.000€, è stato congelato e rimane al sicuro nelle casse comunali. Per fare il punto della situazione, proprio oggi una delegazione è partita per Verona per confrontarsi con i vertici bancari circa la più positiva evoluzione o risoluzione del contratto, per quanto per voce di esponenti dell\'Amministrazione prevalga la speranza di un assestamento futuro dei mercati mondiali e della conseguente possibilità di recuperare crediti nel corso degli anni che separano dalla fine fisiologica del contratto. \"C\'è da sperare che venga promulgato al più presto un decreto governativo che sblocchi questa situazione che accomuna tante città italiane.\" si augura il consigliere Giovanni Strologo (Pdl), e propone: \"Al ritorno della delegazione da Verona, si potrebbe creare una commissione di tecnici bipartisan per discutere e decidere assieme con la massima trasparenza sul da farsi in base alle informazioni raccolte nel viaggio.\"





Questo è un articolo pubblicato il 02-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 02 ottobre 2008 - 1072 letture

In questo articolo si parla di attualità, michela sbaffo





logoEV
logoEV