Latini (Slt): Nessun dubbio sul peso istituzionale di Osimo

3' di lettura 02/10/2008 - Il Sindaco Dino Latini risponde punto per punto alle puntualizzazioni del consigliere Giovanni Strologo (Pdl) in merito alle nomine dell\'ATO3. 

1. \"Posto sicuro\". Il 23 febbraio 2008 mi è chiesto dall\'Italia dei valori di candidarmi per le elezioni politiche. Vi è prova scritta e sms che ho detto no nella stessa giornata. Sarei stato eletto deputato. Ma preciso che ripetuta richiesta è venuta anche da esponenti del P.d.L.


2. \"Vicepresidenza ato3\". L\'incarico assegnato nel 2000 al rappresentante del comune di Osimo (come Sindaco lo conferii ad Antonelli. Consigliere comunale di minoranza) era frutto di un lungo accordo in cui gli obiettivi di programma e il ruolo delle aziende come l\'Aspea e l\'Ast erano centrali.

Non solo quindi alcun isolamento. Ma da li ci furono le premesse vere per la fusione delle due aziende. Unico caso marchigiano di accordo tra comuni di aziende partecipate.


3. \"Incarichi all\'attuale consigliere comunale di F.I\". Nessuna proposta di assessorato o incarico nelle società a Strologo è avvenuta in questi anni nonostante le ripetute richieste dell\'interessato. Già era stato soddisfatto su alcune istanze e l\'assegnazione dei ruoli era avvenuta.


4. \"Incarico ato3\". Per calmare le istanze di Strologo gli è stato proposto di sostituire Antonelli alla scadenza del mandato. Vi fu un ripetuto dichiarato ostracismo da parte di quasi tutti i soggetti interessati al nominativo.


5. \"Ruolo Osimo Ato3\". Per quanto riguarda la spartizione politica dei \"posti\" Osimo ha semplicemente detto di essere governata dalle liste civiche, come gli altri comuni hanno dichiarato la loro appartenenza. In realtà Osimo non ha accettato il programma ato che prevede una crescita smisurata della tariffa acqua. Indennizzi a comuni ritenuti non dovuti (per i quali Astea ha assunto la stessa posizione congelando il pagamento pro quota dovuto).
L\'assegnazione del servizio idrico, per la quale l\'Astea ha fatto causa, le modalità di conferimento del servizio, che non è passato all\'esame del comune per Osimo. Temi concreti e fondamentali per il futuro, per i quali il Comune ha preso posizioni che a distanza di due anni si stanno rivelando profetiche e per i quali non c\'e\' \"posto\" che tenga.
Il 9 ottobre prossimo, all\'assemblea ato3, Osimo voterà contro l\'assegnazione schermo del servizio idrico al Centro marche acqua e poi farà ricorso. In gioco c\'e\' il costo dell\'acqua per gli osimani, che non puo\' passare per lottizzazioni di \"posti\" come voleva il consigliere F.I.


6. \"peso istituzionale di Osimo\". Osimo: ha la vicepresidenza Conero ambiente (17 comuni;) E\' l\'ente capofila dell\'Ambito sociale 13; ha avuto totale condivisione dalgi altri comuni sulla difesa dell\'ospedale di rete di San Sabino. Questi solo alcuni esempi per confutare le tesi di F.I.
Del resto il tema è vecchio, fu un cavallo di battaglia del centro destra e centro sinistra alle elezioni comunali 2004 (allora Strologo era candidato con le Liste civiche) che fecero a gara a portare esponenti nazionali e il risultato lo conosciamo tutti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 02 ottobre 2008 - 1118 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, dino latini, Comune di Osimo





logoEV
logoEV