utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
articolo

Pdl Osimo: si parte, ma non con le Liste Civiche

2' di lettura
1179

Pdl, si parte. E da soli, per il momento. L\'annuncio è stato dato lunedì sera nel corso della riunione congiunta dei direttivi di Forza Italia e Alleanza Nazionale alla presenza anche del consigliere regionale FI Giacomo Bugaro. I tempi sono maturi per dare vita al Pdl e proporsi alla città in vista delle amministrative 2009.

Pdl, si parte. E da soli, per il momento. L\'annuncio è stato dato lunedì sera nel corso della riunione congiunta dei direttivi di Forza Italia e Alleanza Nazionale alla presenza anche del consigliere regionale FI Giacomo Bugaro. I tempi sono maturi per dare vita al Pdl e proporsi alla città in vista delle amministrative 2009.

Obiettivo: riallineare l\'esperienza locale alle fila del percorso nazionale e aprirsi all\'alleanza con sigle affini del centro e centro destra. Porte chiuse invece alle Liste Civiche, per lo meno in questa prima fase di definizione degli schieramenti. La nascita del nuovo soggetto politico esige chiarezza. La riunione di lunedì ha portato al pettine nodi intrecciati da tempo e, come già anticipato in una circolare del coordinamento provinciale Pdl dell\'8 Settembre, tutti quegli esponenti del partito coinvolti in incarichi amministrativi nelle aziende comunali sono stati chiamati a una scelta: se ambiscono a ruoli di rilievo nel Pdl, devono dimettersi.

Sono quattro i nomi in ballo: Pierluigi Agostinelli (presidente Park.O), Marco Magnoni e Sergio Pangrazi (Cda Astea) e la figura chiave del coordinatore Pdl designato Luciano Secchiaroli (vicepresidente Astea e presidente Geos). La loro decisione verrà ufficializzata solo a fine settimana, in quanto alcuni di essi hanno richiesto tempo per prendere la propria decisione. Agostinelli ha invece già deciso: \"Rimango fedele al mio incarico alla Park.O. Sono deluso dall\'approccio autoritario del coordinamento provinciale di Ancona che di fatto delegittima gli esponenti comunali: hanno scelto di chiedere a Latini un incontro mentre noi li avvertivamo che non era il momento opportuno, e ora chiudono le porte alle Civiche senza cura del nostro parere.\"



Questo è un articolo pubblicato il 24-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 24 settembre 2008 - 1179 letture