PD: patrimonio culturale della città trascurato

1' di lettura 08/07/2008 - È evidente che i locali del palazzo comunale, ormai in indiscutibile stato di abbandono, non sono sottoposti ad adeguate misure di sicurezza e che si interviene sempre quando è ormai troppo tardi.

Dopo il prezioso mobiletto del 600 rubato due anni or sono, addirittura dalla stanza del sindaco, e dopo la sottrazione della scultura di epoca romana dobbiamo rilevare come questi episodi dimostrino trascuratezza verso l\'inestimabile valore del nostro patrimonio storico-culturale e verso le bellezze della città.


È evidente che i locali del palazzo comunale, ormai in indiscutibile stato di abbandono, non sono sottoposti ad adeguate misure di sicurezza e che si interviene sempre quando è ormai troppo tardi.


Purtroppo non vengono tenute nemmeno in considerazione le esigenze dei cittadini di fruire delle zone più belle nella stagione estiva.

Ci riferiamo ai lavori da poco iniziati, dopo anni di abbandono, presso i giardini di piazza nuova che di fatto ne impediscono la fruizione, proprio nella bella stagione, quando cioè gli osimani hanno maggiore bisogno di stare all\'aria aperta e di godere un po\' di fresco che quei luoghi, con la migliore brezza di tutta la città, possono offrire.


Ed in contemporanea come se non bastasse si apre anche il cantiere ai tre pini, così barbaramente decapitati, precludendo, con un alta recinzione, il bel panorama che quell\'angolo di Osimo offre. Ci si chiede, ma era proprio obbligo iniziare adesso? Sarebbe bastato aspettare qualche mese per limitare i disagi ed eseguire i lavori nei tempo dovuti.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 08 luglio 2008 - 1143 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, pd





logoEV