Polverigi: Benjamin Verdonck in esclusiva nazionale a Inteatrofestival

benjamin verdonck 3' di lettura 02/07/2008 - Dopo aver dimorato per 7 giorni su un enorme nido appeso a più di 30 metri da terra su un grattacielo a Rotterdam, l’\'eclettico performer belga Benjamin Verdonck arriva in Italiacon \'La neve\' / Ice cream for everyone”, un evento unico e folle dal 2 al 5 luglio in esclusiva nazionale a Inteatrofestival (Festival Internazionale Inteatro).

Lo scorso maggio ha lasciato a bocca aperta tutta Rotterdam appeso a 30 metri d’altezza sulla parete di un grattacielo, vivendo dentro un enorme nido da lui costruito alla maniera degli uccelli, con paglia terra e legno. Depositando, una mattina, dopo 7 giorni di permanenza nel nido d’amore, un uovo altrettanto enorme davanti agli occhi sbalorditi dei passanti.


Qualche mese prima, con una zucca di Halloween in testa e carico di grandi buste da shopping, lo hanno visto camminare tra la folla di Anversa e Bruxelles facendo il verso alle signore impegnate nei tour dei grandi saldi per l’azione teatrale Shopping = fun. Ma il pubblico europeo che lo ha potuto conoscere attraverso i festival della scena contemporanea, sa che l’\'eclettico performer belga Benjamin Verdonck non è nuovo ad azioni teatrali assolutamente folli, come quando nel 2003 – in I like America and America likes Me, basato su una delle più famose azioni teatrali di Joseph Beuys del 1974 - improvvisò una conversazione di tre giorni e tre notti con un maiale per esprimere la sua confusione e preoccupazione circa le tensioni tra gli Stati Uniti e l’Iraq.


Sul tema della perversità della guerra è tornato a lavorare, nel 2007 con Fumiyo Ikeda e Alain Platel, firmando lo spettacolo Nine Finger. Classe 1972, con una laurea in tasca in Arti dello Spettacolo conseguita presso Conservatorio Reale Fiammingo di Anversa, sotto la direzione di Dora van der Groen, Verdonck dal 2000 ha iniziato ad esplorare le potenzialità del gesto teatrale nello spazio pubblico, stimolando la curiosità e la discussione del pubblico con performance di assoluta originalità e audacia. Nel 2006 ha debuttato in Italia nell’ambito del Festival Internazionale Inteatro di Polverigi, con Wewilllivestorm, (auto)biografia poetica con due silenziose figure in scena, lui ed il padre chinesiologo.

E sempre a Polverigi nelle Marche tornerà dal 2 al 5 luglio 2008 (dalle ore 21), nell’ambito della XXXI edizione del Festival internazionale Inteatro, per un evento unico in esclusiva nazionale dal titolo \'La neve\'/ Ice cream for everyone, prima tappa di un singolare percorso di ricerca che toccherà anche Spagna, Francia e Belgio (kalender project - ice cellar project). Invitato da Inteatro a creare un evento unico all’interno del Festival, Verdonck proporrà un\'’operazione scenica alla riscoperta di un\'’usanza che negli anni ha perso la propria consistenza, la propria memoria.


Nel cuore di Polverigi, sotto una botola trovata per caso dal curioso performer, Benjamin utilizzerà un antico cubicolo creato in tempi lontani, ed utilizzato prima dell’\'avvento della refrigerazione elettrica per conservare la neve dell’\'inverno e produrre ghiaccio per l’\'estate.


In questo luogo coinvolgerà il pubblico di passaggio per le vie del Roccolo in un insolito momento comunitario. Ci sono memorie che restano indelebili impresse nella vita di una comunità ed altre che invece si sciolgono come neve d’\'estate, lasciando poche, quasi nessuna traccia della propria antica esistenza…


Questo il senso di un evento scenico che è anche un gesto politico, volto a conservare le nostre tradizioni come un tempo si conservava la neve, quando erano le stagioni a scandire le azioni quotidiane ed i mestieri di una comunità. Per questa creazione, Verdonck ha collaborato con la designer Valentine Kempynck.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 02 luglio 2008 - 1146 letture

In questo articolo si parla di polverigi, spettacoli, Benjamin Verdonck, La neve





logoEV
logoEV