utenti online

Capponi (FI): salviamo gli ospedali di Recanati, Osimo e Loreto

Franco Capponi 2' di lettura 14/03/2008 - E\' assurdo oggi far morire la sanità recanatese, osimana e lauretana radicata sul territorio con professionalità forti, soprattutto nella prospettiva futura di vedere realizzato il nuovo ospedale di Osimo non prima dei prossimi dieci anni. Forza Italia sarà in prima linea per sostenere questa battaglia anche nell\'aula del consiglio regionale. 

La disorganizzazione e le difficoltà del bilancio regionale vengono fatte scontare al settore Sanità che oltre a non avere realizzato investimenti strategici sui plessi degli attuali ospedali dell\'hinterland maceratese e dell\'area a sud di Ancona, ha cancellato la gara di project financing per il nuovo ospedale di rete di San Sabino di Osimo che avrebbe servito un bacino di utenza di circa 100.000 abitanti residenti nei Comuni di Osimo, Castelfidardo, Loreto, Recanati, Numana, Sirolo, Offagna e Camerano. Sono legittime quindi le lamentele del Comitato per la difesa dell\'ospedale S.Lucia di Recanati come quelle del Comitato pro ospedale di rete di S.Sabino di Osimo che chiede di potenziare adesso i servizi del \'Ss Benvenuto e Rocco\' di Osimo.


Mentre la Regione nicchia sul futuro del nuovo polo ospedaliero a sud di Ancona, ora da accorpare al progetto di Agenzia della terza età-Inrca e forse da realizzare ancora sul territorio comunale osimano (ammesso che il Comune di Ancona lo permetta), gli attuali presidi di Recanati, Loreto e Osimo continuano infatti ad essere depauperati di personale medico e infermieristico, di primari, di servizi funzionali ed essenziali. In quest\'ottica ha ragione il Comitato recanatese: per il S.Lucia il 2007 è stato un anno da cancellare. Mancano i primari di Medicina e un dirigente chirurgo, il laboratorio analisi è carente di personale. Ad emblema di una situazione che sta degenerando assurgono i lavori di manutenzione straordinaria al tetto dell\'immobile ospedaliero e nei locali del Pronto soccorso che il Comune di Recanati si è dovuto accollare in prima persona per una spesa di oltre 1 milione di euro.


Invito quindi tutte le forze politiche di Recanati, in particolar modo quelle del centro destra ad unirsi a sostenere la causa del Comitato per la salvaguardia dei reparti ospedalieri del S.Lucia, ricordando alla giunta Spacca che è arrivato il momento di dare concreta attuazione alla convenzione stretta ormai da tempo tra Regione Marche e l\'Università Politecnica di Ancona per istituire proprio nell\'ospedale di Recanati la specializzazione diagnostica della laparoscopia.


E\' assurdo oggi far morire la sanità recanatese, osimana e lauretana radicata sul territorio con professionalità forti, soprattutto nella prospettiva futura di vedere realizzato il nuovo ospedale di Osimo (filtro alla struttura sanitaria regionale di Torrette) non prima dei prossimi dieci anni. Forza Italia sarà in prima linea per sostenere questa battaglia anche nell\'aula del consiglio regionale.


Da Franco Capponi
Presidente Gruppo consiliare regionale di Forza Italia





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-03-2008 alle 01:01 sul giornale del 17 marzo 2008 - 1264 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, regione marche, forza italia, osimo, loreto, ospedale di rete, recanati, franco capponi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/eqlC





logoEV
logoEV