utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO >

I Comuni dell'Area Sud uniti per l'Ospedale di Rete

2' di lettura
1423

Il Comune di Osimo (assessore Simoncini) e il Comune di Castelfidardo (assessore Nardella) si sono incontrati il 14 novembre presso la Sede Municipale di Osimo per fare il punto sulla situazione dell'Ospedale di Rete.

da Blog Sindaco Latini
Il Comune di Osimo (assessore Simoncini) e il Comune di Castelfidardo (assessore Nardella) si sono incontrati il 14 novembre presso la Sede Municipale di Osimo per fare il punto sulla situazione dell'Ospedale di Rete.

Nell'occasione è stata ribadita l'unità di intenti tra le due amministrazioni e le due popolazioni su questo delicatissimo argomento. Il Comune di Osimo ha consegnato al Comune di Castelfidardo copia dell'ultimo atto di giunta recante la determinazione a costituire in mora la Regione Marche per danni; il Comune di Castelfidardo valuterà se aderire a questo atto.

Per quel che riguarda la riunione sull’Ospedale convocata presso il Comune di Osimo, va precisato che l’invito alla partecipazione era rivolto alle sole Amministrazioni Comunali.

Al Comune di Ancona, in quanto ente capofila del distretto nord della Zona Territoriale 7 (il Comune capofila della Zona Sud è Osimo. L’invito era poi indirizzato ai Comuni di Castelfidardo, Loreto, Numana, Sirolo, Offagna e Camerano e non era esteso ad altri (quindi né a Recanati, né a Portorecanati, né a Filottrano).

I Comuni di Ancona, Numana e Offagna, tramite lettera, hanno sottolineato la loro totale adesione all’iniziativa. Effettivamente, sono dunque mancati Loreto, Sirolo e Camerano, che tuttavia in altre sedi avevano in precedenza riconfermato la propria posizione in favore dell’Ospedale di rete in località San Sabino.

Resta innegabilmente il fatto che non solo la comunità degli assistiti della zona interessata all’Ospedale di Rete, ma anche i relativi rappresentanti istituzionali sono ormai stanchi di sentir sempre ripetere le solite cose, ma di non vedere mai fatti concreti, risultati positivi.

Per dare un futuro alla realizzazione dell’opera, occorre dunque rilanciare una azione forte e pienamente condivisa da tutti

ARGOMENTI

EV

Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 novembre 2007 - 1423 letture