Calcio. L’Osimana torna a vincere. In Prima vola il San Biagio

4' di lettura 30/11/-0001 -
Strepitosa Osimana a Fermignano, dove i giallorosso vincono solo 1-0 nonostante la gran mole di gioco. In Promozione ottimo pareggio della Passatempese a Petritoli. In Prima Categoria vincono sia Osimo Stazione che San Biagio.

di Giacomo Quattrini
redazione@vivereosimo.it


E’ grande Osimana a Fermignano. Dopo il bruciante ko contro la Castelfrettese e il deludente pareggio a reti bianche contro la Biagio, Lelli torna a sorridere. E lo fa in gran stile, visto che in terra metaurense la sua Osimana ha dominato in lungo e in largo. Tantissima la mole di gioco espressa. Molte le occasioni mancate, che rimangono l’unico reale problema di questa formazione: la mancanza di concretezza sotto porta.

A regalare la maritata vittoria a Fermignano è stato Langiotti, uno dei migliori in campo, capace di penetrare la difesa avversaria e mettere dentro una delle atante palle gol costruite dagli ospiti. Dopo quattro turni l’Osimana torna a correre e ritrova la zona playff, che ormai neanche il ds Giacco riesce ad evitare di definire come l’obiettivo di stagione e per una matricola è già un successo, comunque vada a finire. Intanto dopo nove gare i senza testa sono addirittura secondi con la Pergolese (a 15 punit), a quattro lunghezze dalla sorprendente capolista Elpidiense-Cascinare, che ha espugnato proprio Pergola.

Sorpassata la Fermignanese (14 punti), che con le ultime due sconfitte scivola al quinto posto, a parimerito con un Piano che va al rallentatore, bloccato al Dorico dalla Castelfrettese sull’1-1, e con la Biagio Nazzaro che ha battuto di misura un Montegiorgio in gran spolvero. Tonfo della Vis Pesaro, ko ancora al Benelli, 1-2 col Porto S.Elpidio e della Vigor Senigallia, caduta 3-0 a Civitanova. Male anche il Bikkembergs Fossombrone battuto dalla Jesina e ripiombato in centro classifica, più vicino alla zona playout che a quella playoff. Questo dimostra appunto quanto sia corta la classifica che, al di la della minifuga dell’Elpidiense, vede ben 15 squadre in 6 punti (dai 15 dell’Osimana ai 9 di Porto Sant’Elpidio e Vigor Senigallia). Ultima con soli 3 punti e ancora senza vittoria la Monturanese, caduta tra le mura amiche per 2-0 contro l’ottimo Urbino.

Domenica prossima big match al Diana, dove andrà di scena il derby contro il blasonato Piano San Lazzaro. Un test probante che ci dirà quanto i giallorossi possano davvero puntare ai playoff. Sfide affascinanti anche quelle tra Fossombrone e Civitanovese e il derby Castelfrettese-Jesina.

Ed eccoci invece in Promozione, dove la Passatempese sembra aver imboccato la strada giusta. Dopo il successo strasudato col Comunanza arriva un pareggio meritato in un campo molto ostico. A Petritoli andava in scena una sfida tra chi risiedeva in zona playoff, i locali, e chi voleva uscire da quella playout, gli osimani. Con il pareggio, che ha effettivamente soddisfatto il team gialloblu, la Passatempese rimane si ancora invischiava in zona plyout, ma l’ottima difesa e le poche sconfitte patite lasciano ben sperare.

I punti dal sest’ultimo posto, che garantirebbe la salvezza diretta sono solo 3 e sabato prossimo c’è il gran derby contro il Montefano, che invece da neopromossa è addirittura ad un punto dal quinto posto posto. In testa volano Fermana e Montegranaro, che sembrano destinate all’Eccellenza, mentre dietro rimane ancora a secco di vittorie il Comunanza, fanalino di coda con 4 punti. Nel girone A si sveglia il Castelfidardo, che dopo il cambio di panchina ha ottenuto un ottimo successo sul campo della Filottranese, aganciando a 6 punti Acqualagna e Cantiano. In testa frena il SiroloNumana sconfitto 2-0 a Urbania, mentre sale al secondo posto la neonata Fortitudo Fabriano. In ascesa e quindi temibilissima la corazzata Vallesina, quarta a 16 punti, meno 4 dal primato.

In Prima Categoria due vittorie su due per le osimane. Il San Biagio infila il terzo successo consecutivo, il quinto risultato utile di fila e vola addirittura al terzo posto, nonostante un budget limitato che non ha permesso di ingaggiare i grandi nomi. A Castelfidardo i biancorossi mettevano alla prova la nuova Vigor di Baertolini, che è stata sonoramente bocciata con un perentorio 0-3, frutto di una caparbia doppietta dell’intramontabile “Checco” Polinori e di un eurogol di Michele Pesaresi, una vita tra Seconda e Terza Categoria con il Riviera ed ora protagonista di questo trionfale cammino sanbiagese.

L’Osimo Stazione torna invece a vincere dopo i due derby persi in casa e l’opaco pari proprio in casa della Vigor. A cadere al Bernacchia è stato l’Ostra, raggiunto al quinto posto proprio dalla locomotiva. Il gol partita è stato firmato da “nonno” Gerio Paoloni, l’unico vero attaccante rimasto in rosa a Tubali dopo i vari infortuni. Riprendono a marciare i biancoverdi, che ora punteranno diritti verso la zonaplayoff, che dista solo un punto.

Foto di A.Patani





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 29 ottobre 2007 - 1263 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV