Calcio. Osimana sprecona. Solo il San Biagio sorride

4' di lettura 30/11/-0001 -
Male le osimane: i giallorossi sbagliano un rigore e falliscono numerose palle gol a Chiaravalle. Passatempese ultima dopo il ko di Cupra. Trionfo biancorosso nella stracittadina di Prima Categoria tra Osimo Stazione e San Biagio.

di Giacomo Quattrini
redazione@vivereosimo.it


L’Osimana non sa più vincere? No, ma di certo ci mette del suo. Se a Pergola è andata come è andata e se con il Fossombrone il pari non fu da buttare (anche se le migliori occasioni furono giallorosse), nel derby contro la Biagio Nazzaro c’è da mordersi i gomiti. L’Osimana ha sbagliato tante palle gol (addirittura sette riportano i cronisti), ha subito poco e fallito un calcio di rigore con Bugiolacchi al 56’.

Inevitabile e inaccettabile allora lo 0-0. Ma la prestazione conferma che la squadra è da medio-alta classifica. Affrontare con così tanto carattere un derby del genere è segnale importante che viene dato alle avversarie. Lelli potrà essere protagonista, ma serve più cattiveria sotto porta. Il ritorno di Agushi va visto in quell’ottica, ma rischia di complicare la gestione dello spogliatoio, che in questo campionato, affrontato comunque da matricola e con tanti cambi in rosa, risulta fondamentale. In classifica nessuno stravolgimento. Tra le prime pareggiamo tutte tranne il Piano.

In vetta ancora il duo Pergolese Elpidiense-Cascinare, seguiti a breve distanza dalla Fermignanese. Lelli ha solo tre punti di distacco dalla vetta ed è raggiunto proprio dal Piano. Dietro si registra il riscatto della Jesina, che travolge l’Urbino, e l’ennesima delusione interna della Vis Pesaro, sconfitta al Benelli dal Montegiorgio. Sempre più ultima la Monturanese, ko col Porto Sant’Elpidio. Domenica al Diana arriva invece la Castelfrettese. Squadra giovane che probabilmente a novembre tornerà sul mercato.

Al momento sulla carta non pare esserci storia, con i giallorossi ampiamente favoriti, ma queste sono partite da non sottovalutare, pena amare sorprese. Soprattutto in virtù del fatto che nell’ultima giornata i biancorossi falconaresi hanno battuto 1-0 in casa niente meno che il Fossombrone.

In Promozione registriamo l’ennesima delusione della Passatempese. I ragazzi di Gasparrini dopo l’1-0 patito in casa della Cuprense sono invischiati all’ultimo posto con il Comunanza. La sconfitta di misura contro quella che è ora la vicecapolista del girone dimostra come i gialloblu possano lottarsela con chiunque e non fare da mera comparsa. Ma i numeri sono impietosi: 4 punti in 7 gare, 6 gol subiti (quinta miglior difesa del girone), ma solamente 2 reti all’attivo (peggior attacco).

Numeri se vogliamo anomali, che andranno ribaltati già da sabato, quando al Muzio Gallo arriverà proprio il Comunanza, comprimaria in fondo alla graduatoria dopo il pesante 0-3 subito dal Montegranaro, che invece sette giorni prima rischiò grosso in quel di Passatempo.

Il tempo per recuperare è molto, ma serve più verve offensiva e probabilmente un ritorno sul mercato alla ricerca di un vero bomber. Nel girone nord sorprende sempre di più il SiroloNumana, primo indiscusso con sei vittorie ed un pareggio. Disastroso invece il Castelfidardo: una vittoria e sei sconfitte con ultimo incredibile posto in classica.

In Prima Categoria era tempo di derby. Al Bernacchia si affrontavano Osimo Stazione e San Biagio, i club delle due più grandi frazioni osimane. I locali biancoverdi partivano da favoriti, dall’alto dei 7 punti già conquistati e delle velleità, neanche tanto nascoste, di playoff. Il San Biagio era invece alla ricerca del primo successo stagionale, dopo tre pareggi e un pesante ko. Il derby è vibrante.

L’agonismo in campo avvantaggia i biancorossi, più coraggiosi e aggressivi, che mostrano subito l’intento di sgambettare il più ricco cugino rivale. La Stazione pare più leziosa e va sotto al 20’, quando Michele Pesaresi insacca in porta una corta respinta del portiere locale. Il raddoppio già al 35’ con Polinori che sfrutta un’incomprensione tra Menghi e l’estremo difensore e infila tutti con un pallonetto delizioso. Sullo 0-2 le squadre si allungano e le occasioni fioccano. Potrebbe dilagare il San Biagio, così come potrebbe riaprire il match la locomotiva.

Sta di fatto che il punteggio non si schioda più e il derby si tinge ancora una volta di biancorosso, con Tacchi che si porta a metà classifica ed arriva a meno uno da Tubaldi. Sabato il San Biagio “ospiterà” a Loreto la Brandoni Dorica, in quella che potrebbe essere l’ultima gara in esilio. L’Osimo Stazione, invece,dopo i due derby interni persi malamente e i pesanti infortuni registrati in attacco (out a lungo Fiordoliva, un po’ meno Pierpaolo Paoloni) andrà sabato a Castelfidardo. Obiettivo: riscattarsi battendo la Vigor di mister Mari (ex Juniores Osimana), quart’ultima con 4 punti. Missione possibile, per entrambe le osimane.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 15 ottobre 2007 - 929 letture

In questo articolo si parla di





logoEV