Calcio, l’Osimana blocca il Fossombrone. Passatempese e San Biagio al palo

4' di lettura 30/11/-0001 -
I giallorossi di Lelli impattano 0-0 contro la corazzata di Bikkembergs. Ancora senza vittorie Passatempese e San Biagio. L’Osimo Stazione perde il derby con l’Offagna e Paoloni oper infortunio

di Giacomo Quattrini
redazione@vivereosimo.it
Foto di Antonio Patani


Dopo la sconfitta di Pergola l’Osimana non molla. La delusione della settimana scorsa è stata subito dimenticata dai ragazzi di Lelli, che contro il Fossombrone dei fotomodelli Bikkembergs sfornano una prestazione gagliarda. Il finale è di 0-0, ma l’Osimana non si dispiace più di tanto per un pari conquistato contro la squadra che ad agosto pareva dover ammazzare il campionato. Ed invece dopo sei giornate i giallorossi del presidente Falcetelli vantano 11 punti, uno in più dei forsempronesi.

In testa al campionato, oltre alla Pergolese, c’è sorprendentemente l’Elpidiense-Cascinare, matricola terribile di questo avvio di campionato. In difficoltà ancora la Jesina e la Civitanovese, che rischiano di essere protagoniste dell’ennesimo anonimo campionato. Non c’è sosta invece per l’Osimana, che dall’alto del suo quarto posto domenica andrà a far visita alla Biagio Nazzaro. Un derby sentito in quel di Chiaravalle contro un team pericoloso e da non sottovalutare. Obiettivo ovviamente i tre punti, per continuare a sognare.

In Promozione ennesimo pareggio per la Passatempese, che in sei gare ne ha perse solo due, ma non ne ha vinta nessuna. Risultato? Ultimo posto con quattro punti e una delle migliori difese. Incredibile. Troppi gli 0-0, che per ora stanno penalizzando più del dovuto i galletti gialloblu. Sabato scorso contro il temibile Montegranaro è stata la formazione di Gasparrini a sfiorare più volte il gol e a sciupare tutto fallendo un rigore.

L’importante ora è non abbattersi e non farsi prendere dal complesso della vittoria che non arriva, perché sul piano del gioco la Passatempese c’è, manca solo un finalizzatore implacabile sotto porta e un po’ di fortuna. Nell’altro girone, invece, è sorprendente il primo posto del Sirolo Numana in coabitazione con il Marchionni.

In Prima Categoria anche il San Biagio rimane ancora alla ricerca della prima vittoria in campionato. Attenuante per i galletti biancorossi le quattro partite giocate rispetto alle sei dei cugini gialloblu. Cugini che domenica li hanno ospitati al Muzio Gallo in virtù dell’indisponibilità del campo sportivo sanbiagese, pronto ormai fra 2-3 settimane.

A Passatempo il San Biagio ha ospitato il Borghetto, formazione di Monte San Vito, partito per grandi traguardi e che invece si trova appaiata proprio con i ragazzi di Tacchi al quart’ultimo posto, con 3 punti all’attivo. La partita è stata giocata a viso aperto da entrambe le squadre.

Molte le occasioni da una parte e dall’altra, col San Biagio che si è reso protagonista di un insolito (di questi tempi) ed encomiabile gesto fair play. Cronaca della vicenda: azione offensiva del Borghetto, un giocatore ospite cade a terra, l’arbitro lascia correre con l’uomo che non si rialza. Il San Biagio riparte in contropiede, arriva sul fondo e mette al centro per Fioretti che tutto solo davanti alla porta mette volontariamente fuori tra gli inviti disperati dei giocatori del Borghetto. Chapeau. Basta però con gli svenimenti tattici, se l’arbitro non fischia si dovrebbe continuare. Troppo buono, anzi ingenuo, il San Biagio. Inutili ed anzi irrisori sono apparsi i ringraziamenti a fine gara del presidente del Borghetto. La sportività è altra cosa.

L’altra osimana di Prima Categoria continua la sua personale lotta contro il destino, che ormai gli ha appiedato mezzo attacco. L’Osimo Stazione cade infatti in casa, ma la sconfitta è di quelle che fanno male. A sbancare per la prima volta in stagione il Bernacchia è l’Offagna. La partita è tutt’altro che bella. Tanti falli e pochissime giocate di livello, solo Lorenzoni pare offrire lampi di classe. L’Offagna finisce per vincere 2-1 e si mantiene in vetta con cinismo, mentre per la Stazione oltre alla beffa di una sconfitta evitabile anche la perdita per infortunio di un uomo fondamentale come Pierpaolo Paoloni, e, come per Fiordoliva, non si tratterà di uno stop di 2-3 settimane, ma almeno di qualche mese. E sabato al Bernacchia c’è il derbissimo tra Osimo Stazione e San Biagio. Brividi.







Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 08 ottobre 2007 - 1399 letture

In questo articolo si parla di





logoEV