Alluvione: la Regione firma primo contratto

2' di lettura 30/11/-0001 -
Alluvione: la Regione firma primo contratto, riguarda le risorse del 2007; presto anche quelli per 2008 e 2009.

da Regione Marche
www.regione.marche.it


Regione Marche e Banca OPI hanno firmato oggi il contratto che consente di attivare i contributi per i comuni gravemente colpiti dagli episodi alluvionali del settembre 2006. Circa 16 milioni di euro previsti nella Finanziaria che affluiscono cosi’ sulla contabilità speciale del Commissario delegato Gian Mario Spacca. Si tratta dei contributi per il 2007 per i comuni della zona sud di Ancona e del comune di Falconara. I soggetti interessati potranno così ricevere i contributi per i danni subiti.

Nei prossimi giorni verranno firmati altri Contratti che riguardano le anticipazioni per le annualità 2008 e 2009.

Spacca ha espresso soddisfazione, sottolineando che si passava “dalle parole ai fatti”, in tempi che, considerando le procedure, anche collegate alla Finanziaria nazionale, che si sono dovute intraprendere, non si possono considerare lunghi. “E’ importante – ha detto – assicurare un futuro di sviluppo ad un’area così strategica della nostra regione.”

Analoga soddisfazione è stata espressa dal presidente del comitato alluvionati Andrea Pesaresi – insieme al vice-presidente Tommaso Agostinelli e ai membri del direttivo Giorgio Bartolucci e Fabricio Picini – che ha detto di essere ora piu’ottimista, che questa prima tranche aiuterà le imprese e ha ringraziato il presidente per l’impegno profuso in tutta la vicenda e soprattutto perché ogni singolo passo è stato concertato con il comitato e con i comuni interessati. Per la Banca OPI del gruppo San Paolo, presente Andrea Vitale. Il notaio che ha redatto l’atto è Carlo Conti.

L’atto è stato firmato a Camerino, al termine della manifestazione sulle infrastrutture, inserita nel programma del decennale del terremoto.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 01 ottobre 2007 - 1206 letture

In questo articolo si parla di





logoEV