CNA Zona Sud Ancona: l'unione fa .. l'Ospedale

2' di lettura 30/11/-0001 -
La Zona Sud di Ancona necessita di una struttura ospedaliera a prescindere dal luogo ove esso sia posizionato. Sono decenni che questa struttura è stata prevista e progettata. I ritardi nella sua realizzazione hanno portato uno spreco di denaro pubblico che non è più tollerabile.

da CNA Zona Sud


Presso la sala riunioni della CNA di Osimo, si sono riunite le presidenze della CNA delle tre città principali della Zona Sud di Ancona (Castelfidardo, Osimo, Loreto). La riunione si è incentrata su un unico punto all’odg: “L’ospedale di rete della Zona Sud di Ancona”.

L’associazione di categoria ritiene che l’opera, prevista da decenni, rappresenta un esempio eclatante di come i contrasti campanilistici tra comuni limitrofi renda ancora più lenta la costruzione di una struttura ospedaliera ormai necessaria per una zona popolosa e con una presenza di industrie rilevante.

Marco Tiranti, membro di presidenza di Castelfdardo, rimarca la necessità di lanciare un messaggio chiaro alle istituzioni “La Zona Sud di Ancona necessita di una struttura ospedaliera a prescindere dal luogo ove esso sia posizionato. Sono decenni che questa struttura è stata prevista e progettata.

I ritardi nella sua realizzazione hanno portato uno spreco di denaro pubblico che non è più tollerabile. Soldi pubblici che sono il frutto delle imposte che i cittadini pagano e che vorrebbero venissero utilizzati in miglior modo. L’ospedale di rete, dopo la chiusura della struttura di Castelfidardo ed il continuo depotenziamento delle strutture di Osimo e Loreto, diviene oggi una priorità per questa zona”.

Il presidente della CNA di Loreto, Paolo De Angelis, sottolinea che le ultime tensioni tra comuni, in particolare tra Loreto e Osimo, contribuiscono a rallentare questo progetto. “L’unica soluzione per costruire questa struttura, è quella di creare un fronte compatto e unito nel chiedere una struttura fondamentale per la crescita e lo sviluppo della nostra zona”.

Maurizio Bertini, segretario di Zona Sud di Ancona, conclude la riunione sostenendo la necessità di organizzare un momento di confronto tra le amministrazioni e gli enti interessati al progetto (Regione, Asur) per facilitare lo sblocco di una situazione di stallo non più tollerabile. “

La CNA oggi è un’associazione “sociale”, un’associazione che vuole contribuire allo sviluppo di tutta la comunità locale dove l’imprenditore non solo lavora, ma vi vive con i suoi collaboratori. L’ospedale, infatti, per la comunità di Zona Sud di Ancona è una struttura necessaria per l’alta densità di popolazione e soprattutto la presenza di molte industrie.”





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 25 settembre 2007 - 1130 letture

In questo articolo si parla di