Italia Nostra ospite della Famiglia Balbo a Villa Spada

2' di lettura 30/11/-0001 -
Grazie alla squisita accoglienza della famiglia Balbo, la sezione locale di Italia Nostra ha potuto coronare il raduno annuale degli associati con una visita guidata all'interno della magnifica Villa Spada (loc. Filottrano).

di Michela Sbaffo
redazione@vivereosimo.it


Festa insieme per la sezione locale di Italia Nostra sabato 30 Giugno con il consueto raduno estivo degli associati. Per tradizione, ogni anno la sezione si dà appuntamento presso una delle magnifiche ville del nostro territorio: per il 2007 è stata scelta Villa Spada, immersa nel verde a due passi dalla frazione di Casenuove.

Per tutti è stata possibile una approfondita visita di molte delle stanze del ricco complesso grazie alla squisita accoglienza della famiglia Balbo, attuale proprietaria dello splendido castello le cui origini affondano fino all'alto Medioevo.

Risulta infatti che nel VII secolo i Monaci di Farla avevano lì una "assai pingue e cospicua corte co' suoi servi e con tutte le pertinenze": poco dopo il mille essi se ne andarono e furono sostituiti dai Cistercensi che vi rimasero fin circa la metà del XIV secolo.

La stirpe dei conti Spada-Laviny è quindi succeduta alla proprietà della villa, utilizzandola come casa di campagna (i conti abitavano in Piemonte) e portandone avanti con molto frutto l'attività di azienda agricola.

A causa di una mancanza di discendenti diretti, alla morte dell'ultima contessa Spada si è risaliti lungo la linea dell'albero genealogico e la proprietà è stata assegnata al ramo Balbo.

Il giardiniere comunale Limoni ha guidato i visitatori alla scoperta del magnifico ed esteso parco dai numerosi pini, lecci e tigli. In chiusura della visita, dopo un reading poetico per la lettura della contessa Ada Fiorenzi, è seguito un momento conviviale.










Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 03 luglio 2007 - 4108 letture

In questo articolo si parla di michela sbaffo, italia nostra





logoEV
logoEV