utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

Comitato Passatempo: ''Non è troppo tardi!''

2' di lettura
1094

La prima responsabilità di opere come canile e bitumificio, che nuocciono alla salute dei cittadini, è quindi “in primis” dell’Amministrazione comunale e, a seguire, delle altre amministrazioni o enti che dovrebbero effettuare dei controlli.

da Comitato di Passatempo Fornace
Comitato mamme osimo

Al nostro Sindaco, sempre più a suo agio nei panni di Ponzio Pilato, vogliamo ricordare che lo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) non è come un bancomat, che funziona autonomamente.

Il SUAP, per rilasciare permessi, ha bisogno che l’Amministrazione comunale da cui dipende – e al cui capo c’è sempre il Sindaco - dia il suo parere affermativo alle richieste che vengono presentate.


Se, pertanto, il Sindaco sente impellente il desiderio di confrontarsi con i cittadini su questi temi, ben venga, ma prima dia dimostrazione di buona volontà annullando – o sospendendo sine die - i permessi cosi facilmente rilasciati. A quel punto ci saranno le condizioni per sedersi attorno a un tavolo e discutere. In caso contrario, dibattere su decisioni già prese in alto loco, sarebbe un’inutile perdita di tempo che noi, divisi tra famiglia e lavoro, non ci possiamo permettere.

Ci si potrebbe anche domandare come mai il Sindaco abbia voglia di discutere adesso, a permessi già dati, anziché prima; srebbe stato molto più limpido e civile che l’amministrazione avesse effettuato una ricognizione sul territorio prima di rilasciare le autorizzazioni a procedere.

Noi cittadini interessati dalla costruzione del canile e del bitumificio sappiamo invece, per esperienza diretta, che ciò non è mai avvenuto, anzi, la rapidità e la “segretezza” con cui sono stati rilasciati i permessi, con inizio dei lavori a tempo di record fa sospettare che, forse, informare i cittadini era proprio l’ultimo dei pensieri dell’Amministrazione.

Ma, caro Sindaco, come diceva il famoso maestro Alberto Manzi agli albori della TV, ”non è mai troppo tardi !”. Dateci qualcosa di concreto su cui discutere...e noi ci saremo !


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 12 giugno 2007 - 1094 letture