utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO >

Ballante: Dimettersi o non dimettersi, la scelta è solo del Sindaco

2' di lettura
1374

La Ballante: “Se un Sindaco rassegna le proprie dimissioni, il Consiglio Comunale può certo esprimersi in merito, se consultato, ma non ha alcuna autorità decisionale. La scelta definitiva è solo del Primo Cittadino”.

di Michela Sbaffo
redazione@vivereosimo.it
“Se un Sindaco rassegna le proprie dimissioni, il Consiglio Comunale può certo esprimersi in merito, se consultato, ma non ha alcuna autorità decisionale. La scelta definitiva è solo del Primo Cittadino”.

Ivana Ballante, candidata a presidente della Provincia (CdL), forte della sua esperienza di sindaco di Filottrano, fa chiarezza sui passaggi burocratici e amministrativi che la procedura impone a seguito della dichiarazione di dimissioni da parte di un primo cittadino.

“Appena presentato l’atto dimissionario –spiega la Ballante– seguono venti giorni al termine dei quali, se il Sindaco non torna sui suoi passi, le dimissioni sono definitive.”

In questo intervallo di tempo il Sindaco può convocare il Consiglio affinché i diversi schieramenti politici pronuncino il proprio parere, di natura però solo consultiva e assolutamente non vincolante. “La scelta definitiva, mantenere o meno il proprio incarico, ricade solo sul primo cittadino.”

Ovviamente l’appunto della Ballante vuole precisare alcune dichiarazioni seguite all’annuncio di Dino Latini, sindaco di Osimo, di voler dimettersi dal suo incarico al termine della tornata elettorale del 27-28 Maggio.

Un commento più politico viene dai due candidati di AN al consiglio provinciale: “Quella di Latini –esprime il proprio parere Michele Polverigiani- è solo una strategia per ottenere tutti i riflettori su di sè negli ultimi giorni di campagna elettorale”.

Per Flavio Cariddi, la gestione degli affari comunali in questo ultimo periodo è stata pesantemente sottomessa all’appuntamento elettorale di Maggio: “Il Sindaco dice che la vicenda dell’impianto di betonaggio è diventata ormai una questione politica. Ma lui per primo l’ha resa tale, non rispondendo alle richieste del Comitato e dei residenti ‘per non influire in alcun modo sull'esito del voto’ “.



Da sx: Cariddi - Ballante - Polverigiani


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 25 maggio 2007 - 1374 letture