utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO >

Rosy Bindi in visita a Osimo parla dell'Ospedale di Rete

2' di lettura
1510

Proprio l’ospedale è stato un primo argomento affrontato dai candidati provinciali Andreoni e Gatto i quali hanno chiesto al Ministro in visita a Osimo interessamento per l’annosa questione che tiene in sospeso ormai da troppo tempo un vasto territorio che interessa più comuni.

da Osimo News
www.osimonews.it
Sabato sera, 19 maggio, si è avuta ad Osimo l’attesa visita del Ministro per le politiche della famiglia.

L’Onorevole Rosy Bindi è stata accolta verso le 17 in piazza Boccolino, nel luogo che lei stessa ha scelto, da una folto pubblico che gli ha dimostrato un notevole calore.

Ad attendere il rappresentante del Governo nazionale oltre che alla Senatrice Marina Magistrelli c’erano i due candidati dell’Ulivo alle elezioni provinciali: Paola Andreoni e Stefano Gatto.

Non vi è bisogno di ricordare che la Bindi ha avuto già occasione, accompagnata dall’Onorevole Giacco, di visitare la nostra città quando venne per porre la famosa prima pietra dell’ospedale di rete, poi invischiatosi nel pantano dei ricorsi giudiziari.

Proprio l’ospedale è stato un primo argomento affrontato dai candidati provinciali i quali hanno chiesto interessamento per l’annosa questione che tiene in sospeso ormai da troppo tempo un vasto territorio che interessa più comuni.

Il Ministro ha poi parlato alla gente, sotto un semplice gazebo allestito per l’occasione, di quanto il governo di centrosinistra e il suo Dicastero sta mettendo in atto per sostenere le famiglie, “nucleo fondamentale della società”, in un momento di notevoli difficoltà.

Non sono mancati riferimenti alla imminente tornata elettorale con una stoccata a chi sfrutta posizioni istituzionali, e quindi tutta una comunità, per scopi di affermazione politica ed interessi personali.

Intorno le 18,00 Rosy Bindi ha lasciato Osimo per proseguire nel suo viaggio nelle Marche alla volta di Fabriano





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 22 maggio 2007 - 1510 letture