utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO >

Elezioni, A tu per tu con Franca Maria Magnalardo

3' di lettura
2090

Franca Maria Magnalardo, candidato dei repubblicani europei , collegio Osimo 2.

di Franca Maria Magnalardo
Repubblicani Europei
La Provincia deve costituire un ruolo di interlocutore delle Regioni e dei Comuni e di concertazione anche con i cittadini. In Osimo non si sono verificate tali condizioni e purtroppo ne hanno subito le conseguenze i danneggiati dall'esondazione, i cittadini di Passatempo e Padiglione che a loro insaputa si sono visti una enorme betumiera in costruzione. Comune e Provincia o si incolpano a vicenda o aggirano con belle parole gli ostacoli e tutti ci chiedamo: “Chi è stato?”.

Ritengo che la Provincia debba essere presente nella questione ambientale, nel sociale, nel valorizzare le produzioni agricole locali, tutelare la tradizione ed aiutare l’innovazione, salvaguardare ed ampliare il patrimonio arboreo ed erbaceo. L’attività dell’uomo nelle campagne e in ogni settore (artigianato, commercio...) deve tornare ad essere elemento di cura, di prevenzione dal dissesto idrologico che distrugge il loro inestimabile contributo alla valorizzazione della nostra cittadina.

Il mio apporto in Provincia sarebbe anche quello della realizzazione di progetti sociali a favore dei portatori di handicap, di disabili e di famiglie in difficoltà a causa delle nuove povertà. Nella nuova amministrazione desidererei dare un contributo ai sistemi turistici locali (come previsto dalla L.R. 9/06) con il coinvolgimento di tutti i protagonisti del settore.

Nell’esercizio delle proprie competenze, la Provincia, tramite il Fondo Sociale Europeo, deve favorire la formazione dei giovani alla ricerca della prima occupazione, sostenendoli nella crescita anche con esperienze internazionali.

Io trascorro gran parte della mia vita nel volontariato o nella difesa del territorio della nostra cittadina, quindi la mia attenzione sarà rivolta principalmente al sostegno dei più deboli, all’azione di incentivazione ai Comuni della presenza e del miglioramento delle aree verdi e la centralità delle aree protette nella programmazione degli interventi sul territorio.

Sono figlia di un perito agrario, quindi la mia attenzione come sopra esposto sarà rivolta alla campagna marchigiana, ai nostri prodotti locali. Ho lavorato nel commercio, che ritengo pilastro della ricchezza locale, come l’artigianato che ci dà lustro e di cui andiamo fieri ma troppo grande è il sacrificio che si fa per tirare avanti un settore trascurato dal nostro governo che lo priva di risorse e incentivi. Dobbiamo prestare grande attenzione ai nostri artigiani, aiutarli con iniziative, incentivi economici e ascoltare i loro problemi per risolverli insieme.

Sono nata in Osimo, amo la mia cittadina e la mia Provincia, ma dirlo è facile. Come in tutto ciò che ho fatto nella mia vita mi ci dedicherò con entusiasmo e desiderio di lasciare un’impronta del mio operato nella società in cui vivo.

ARGOMENTI

EV

Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 22 maggio 2007 - 2090 letture