utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

Il comune precisa su dichiarazioni Carlo Nicoletti

2' di lettura
1821

L’Amministrazione Comunale – in merito alle recenti notizie diffuse dagli organi di stampa secondo cui sarebbero intervenute pronunce giurisdizionali che accertano una condotta illegittima da parte della medesima Amministrazione Comunale nei confronti dell’ex dipendente Carlo Nicoletti – ritiene di dover osservare quanto segue.

da Comune di Osimo
www.comune.osimo.an.it
Il Comune di Osimo – almeno per la propria posizione – esprime sconcerto per la disinvolta diffusione di informazioni del tutto contraddette dalla verità dei fatti e del diritto.

In particolare appare del tutto inaccettabile presentare una controversia personale del Sig. Nicoletti con il proprio Istituto di Previdenza – controversia rispetto alla quale l’Amministrazione Comunale di Osimo è rimasta del tutto estranea e neppure chiamata in giudizio – come una occasione di “conferma” di asserite illegittime condotte del Comune nei confronti del dipendente, che avrebbe, infine, ottenuto soddisfazione da parte di un Giudice.

E’ vero il contrario: tutte le volte che il Sig. Nicoletti ha proposto un giudizio contro il Comune di Osimo ne è uscito sconfitto, con pronunce del Giudice (tanto della Corte dei Conti quanto del Giudice del Lavoro) di inammissibilità ed improcedibilità delle domande.

Più in generale, deve essere ricordato che l’intera vicenda dell’annullamento da parte del Comune degli incarichi dirigenziali indebitamente goduti si è sin qui conclusa con il riconoscimento da parte del Giudice del Lavoro della piena legittimità del comportamento dell’Amministrazione Comunale Osimana.

Si legge, infatti, nella sentenza emessa dal Giudice De Sabbata: “In conclusione l’atto contestato – appunto l’annullamento disposto dal Comune di Osimo delle qualifiche e degli incarichi dirigenziali . n.d.r. – deve ritenersi legittimo in quanto il Comune doveva considerarsi tenuto ad emetterlo, con quel preciso contenuto”. Come si vede un pieno ed integrale avallo da parte del Giudice all’operato del Comune.

Il Sig. Nicoletti – che nel predetto giudizio avanti al Giudice del Lavoro non è riuscito neppure ad avere una sentenza di merito tanto da ricevere da parte del Giudice la dichiarazione di improcedibilità del ricorso in esame – non ha, dunque, alcunché da vantare nei confronti del Comune di Osimo, il quale – come ha sempre fatto e sempre farà anche in relazione alla vicenda in esame – si è attenuto alla legge, ottenendo piene conferme della validità e legittimità del proprio operato.

Ogni altra questione – ivi inclusa quella del trattamento pensionistico del Sig. Nicoletti – non sono di interesse e diretta competenza di questa Amministrazione, la quale semmai dovrà incassare dall’Istituto di Previdenza quanto a suo tempo versato proprio per il Sig. Nicoletti.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 maggio 2007 - 1821 letture