utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

Il 21 Aprile aprono le grotte sotto i locali ex-Cantinone

2' di lettura
2540

Il 21 aprile, assieme al punto di accoglienza turistica, sarà inaugurato presso i locali ex-Cantinone di via Fontemagna un nuovo percorso guidato all’interno delle grotte osimane.

di Michela Sbaffo
redazione@vivereosimo.it

Un dedalo segreto si dipana nel buio ventre della città dei Senza Testa. Il sottosuolo osimano è percorso da cunicoli e passaggi scavati nella roccia, che, posti su diversi piani d’altezza, si ramificano fino a 15 metri di profondità raggiungendo una lunghezza complessiva di 10-12 km. I cento e più ipogei sfoggiano altorilievi antichi e misteriosi, simboli templari e graffiti: una città nella città, da portare alla luce.

Per questo il 21 aprile, assieme al punto di accoglienza turistica, sarà inaugurato presso i locali ex-Cantinone di via Fontemagna un nuovo percorso guidato all’interno delle grotte.

“Sarà aperto l’ipogeo sotto l’ex-Cantinone –spiega l’assessore Francesco Pirani- che, lungo 200m, presenta una conformazione anulare. Il nostro intento –continua Pirani– è rendere fruibili anno dopo anno percorsi sempre nuovi all’interno della città sotterranea.” Prossima tappa, l’apertura delle grotte sotto il mercato delle erbe.

Il team preposto al progetto è composto dalla società A.S.S.O. (per gli aspetti turistici e di gestione), dall’Ordine dei Templari e dalle associazioni Archeoclub e Osimo Sotterranea. È recente (12/2006) la pubblicazione dell’opera “Le grotte, i cavalieri, le logge” dei membri di Osimo Sotterranea Roberto Mosca e Angelo Renna, che ha rilanciato la notorietà delle grotte osimane a livello nazionale e suscitato la curiosità di studiosi.

Proprio nel corso del convegno “Dal buio alla luce” previsto per oggi, ore 17.30, a Palazzo Campana saranno presentate le ultime scoperte dell’ing.Alfonso Rubino, inerenti le connessioni geometriche e filosofiche tra la simbologia e la pianta di alcune grotte con la cattedrale di Osimo e la Casa di Nazareth traslata a Loreto.







Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 22 marzo 2007 - 2540 letture