utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

Ambasciatore USA a Recanati, collaborazione in nome di Gigli

2' di lettura
1178

Il sindaco Fabio Corvatta ha accompagnato venerdì scorso l’ambasciatore degli Stati Uniti Ronald Spogli in una visita a Recanati. Una nuova visita nella città leopardiana dell'ambasciatore USA servirà per approfondire possibili collaborazioni fra Recanati e alcune realtà culturali americane...

da Comune di Recanati
www.comune.recanati.mc.it

La tappa nella città leopardiana nasce da un invito che il sindaco Corvatta aveva espressamente rivolto all’ambasciatore nell’estate scorsa, e al quale Spogli ha risposto calorosamente.

Nonostante il soggiorno sia stato condizionato dagli impegni che lo hanno richiamato a Roma, la visita di Spogli è stata comunque molto intensa e il sindaco ha preso accordi con l’ambasciatore per un nuovo incontro che si terrà a breve, compatibilmente con il fitto calendario istituzionale che caratterizza l’attività del rappresentante Usa in Italia.

Il diplomatico è stato accolto dalle autorità, fra cui il sindaco Corvatta, nel palazzo comunale di Loreto, poi nel pomeriggio si è trasferito a Recanati, dove è stato ricevuto a Casa Leopardi, sempre accompagnato dal primo cittadino.

La nuova visita nella città leopardiana servirà per approfondire possibili collaborazioni fra Recanati e alcune realtà culturali americane, come il Teatro Metropolitan di New York, nell’ambito degli eventi organizzati dal Comune per il cinquantesimo anniversario della morte di Beniamino Gigli. Il grande tenore di Recanati si è esibito più volte nel tempio della lirica newyorchese ed è stato osannato dal pubblico e dalla critica americana.

Nel nuovo incontro l’ambasciatore si è già ripromesso di completare la visita alle bellezze artistiche, architettoniche e culturali della città, per la quale ha espresso grandi appressamenti, confessando di essere rimasto colpito anche dalla cordialità e dalla gentilezza delle persone che ha incontrato.

Al termine della visita il sindaco Fabio Corvatta, dopo aver sottolineato l’amicizia, a nome di tutta la città, con la nazione americana, ha donato all’ambasciatore il sigillo d’oro di Federico II e alcuni testi sulla storia di Recanati.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 13 marzo 2007 - 1178 letture