utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

Imesa: "A Sant’Antimo sarà battaglia per i play off”

2' di lettura
1290

La Robur pronta per la trasferta in terra campana, valida quale decima di ritorno del girone B della B-1 Imesa Osimo: a Sant’Antimo altra battaglia per i play off

da Imesa Osimo
www.gsroburosimo.it

“A Sant’Antimo sarà l’ennesima battaglia per i play off”. E’ quanto ha dichiarato oggi il vice-allenatore dell’Imesa Osimo Marco Pesaresi, presentando la gara di domenica 11 marzo, inizio ore 18, decima di ritorno del girone B della B-1, in programma al Palazzo dello Sport di via Marconi di Sant’Antimo, che vedrà l’Imesa opposta alla locale Igea.

“Sarà una trasferta impegnativa –ha aggiunto Pesaresi- in quanto giocheremo in casa di una squadra che contro di noi, a sei turni dalla fine della regular season, si giocherà una bella fetta di play off, occupando, al momento la nona posizione in classifica con 22 punti, a due lunghezze dall’Original Marines Gragnano (24 punti) che occupa l’ottavo posto, l’ultimo valido per entrare nella griglia dei play off”.

“La loro caratteristica principale –ha precisato Pesaresi- è quella di saper impostare un contropiede molto efficace, avendo a disposizione dei giocatori in grado di attuarlo al meglio. Il giocatore di maggiore esperienza nelle fila del Sant’Antimo è sicuramente la guardia Corvo, un atleta con trascorsi in serie A ed in grado di essere decisivo nei momenti caldi del match; inoltre, Sant’Antimo ha una batteria di lunghi capace di adeguarsi alle situazioni di contropiede, quindi molto veloce. Il loro quintetto di partenza è composto dal play Cantone, dalle guardie Corvo e Malamov, dall’ala grande Dalfini e dal centro Serrienti”.

“Per quanto ci riguarda –ha concluso Pesaresi- il primo nostro pensiero sarà quello di fermare e cercare di contenere quanto più possibile il loro contropiede, attuando la nostra solita difesa forte. Una gara molto importante per noi, quella di domenica, in quanto un eventuale successo ci avvicinerebbe ulteriormente alla zona play off.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 10 marzo 2007 - 1290 letture