utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

Pellegrini (DS): ''Ricorso improcedibile perché cessata materia del contendere''

2' di lettura
2345

L'avvocato Mauro Pellegrini, consigliere DS, replica al comunicato di Su La Testa: "Il ricorso al Tar presentato da Paola Andreoni al fine di ottenere l'accesso agli atti della Asso è stato dichiarato improcedibile in quanto la Asso aveva già rilasciato gli atti richiesti ed era di conseguenza venuta meno la materia del contendere."

di Mauro Pellegrini
consigliere DS

Nel comunicato di Su La testa si legge che, cito testualmente “la consigliere Andreoni– è bene ricordarlo – si è vista respingere dal Tar Marche la richiesta di diritto di accesso agli atti contro la Asso, in quanto improcedibile e non si è vista nemmeno riconoscere le spese legali. Ciò a dimostrazione dell’infondatezza, dal punto di vista non politico ma giuridico, delle sue richieste, tese solo pregiudizialmente a screditare immagine della società Asso”.

A queste affermazioni si deve replicare semplicemente che i casi sono due: chi scrive i comunicati per Su La Testa o è un bugiardo spudorato oppure ha seri problemi di comprensione della lingua italiana dal momento che non è in grado di discernere il contenuto di una sentenza di estrema chiarezza.

Per giovamento dei lettori e dei cittadini, ricapitoliamo brevemente i fatti:

La Andreoni chiede allo Asso l’accesso agli atti, ma quest’ultima società accampa mille scuse per negare l’esercizio del diritto;

Il legale della Andreoni diffida la Asso a provvedere immediatamente al rilascio degli atti, ma la società non ci vuol sentire;

La Andreoni pertanto ricorre al Tar affinché la Asso sia condannata al rilascio dei documenti richiesti;

Dopo la notifica del ricorso alla Asso s.r.l., quest’ultima - compreso che i DS di Osimo non hanno più voglia di scherzare con il dott. Mercuri – si arrende e con raccomandata del 24 gennaio dice che gli atti richiesti saranno messi a disposizione del consigliere Paola Androni;

In sede processuale, il TAR Marche, preso atto che la ASSO nelle more dell’udienza ha provveduto a rilasciare gli atti richiesti, non ha potuto far altro che dichiarare cessata la materia del contendere, e dunque il ricorso improcedibile;

Nonostante quanto sopra, la ASSO, pensando di ben utilizzare il pubblico denaro dei contribuenti osimani, ha conferito un incarico legale per costituirsi in giudizio e chiedere che le spese legali del procedimento fossero addossate alla Prof. Andreoni !

Assodato che Su la Testa ha scritto delle plateali falsità, domandiamo ora noi a loro: Non ritenete opportuno, quanto meno per una questione di decenza istituzionale, che il Presidente della Asso, dott. Sauro Mercuri, abbia l’obbligo politico di dimettersi dopo la censura politica votata nei suoi confronti dal Consiglio comunale di Osimo?


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 09 marzo 2007 - 2345 letture