utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

Carta dei Musei: accordo Provincia-strutture ricettive

2' di lettura
1161

Un nuovo strumento di promozione per il turismo culturale della provincia di Ancona: arriva la CARTA MUSEI.

da Provincia di Ancona
www.provincia.ancona.it

L'Assessore alla Cultura e al Turismo della Provincia di Ancona, Luciano Montesi, ha definito con le associazioni provinciali degli albergatori e degli agriturismo più rappresentative (Asshotel Confesercenti, Federalberghi e Terranostra - Coldiretti) un accordo per la promozione della “Carta Musei provinciale”, che dovrebbe diventare operativa entro un paio di mesi.

Gli albergatori, gli agriturismi e i campeggiatori del territorio, acquistandola a condizioni vantaggiose, potranno offrire la Carta nei loro pacchetti o ai loro clienti più assidui ed interessati, valorizzando il carattere “diffuso” dei nostri musei e centri d'arte.

La carta musei è un progetto avviato nel 2005, ora in fase di concreta realizzazione, messo a punto dagli Assessorati alla Cultura e al Turismo e dal Sistema Museale provinciale, che prevede l'attivazione di un biglietto unico per l'accesso a tutti i musei comunali e statali esistenti nel territorio provinciale con la significativa aggiunta della Pinacoteca della Santa casa di Loreto.

La carta avrà una versione turistica della durata di una o due settimane, al prezzo di euro 10 e 15 ciascuna, (con riduzioni per giovani ed anziani) ed una destinata ai residenti, della durata di un anno (al prezzo di euro 25 il primo anno e di 20 nei successivi rinnovi); essa potrà essere acquistata in tutti i musei convenzionati (per ora, tutti quelli comunali e statali) e consentirà la visita di ciascun museo per un numero indefinito di volte entro il periodo di validità.

Nei mesi di luglio e agosto la carta consentirà anche l'utilizzo gratuito dei mezzi extraurbani favorendo la conoscenza dei musei e dei centri d'arte situati nelle aree interne per chi non può o non ama muoversi in auto.

I titolari della “carta musei” inoltre potranno godere di particolari agevolazioni nell'acquisto di prodotti tipici e potranno visitare, con l'assistenza di guide, dimore storiche e luoghi di interesse storico-culturale normalmente inaccessibili, secondo un calendario che si estenderà dal periodo primaverile a quello autunnale di ciascun anno, messo a punto e comunicato dal Sistema Museale.

Tutte le opportunità offerte dalla carta saranno verificabili in apposite pagine dei siti web della Provincia e del Sistema Museale, che invierà regolarmente ai titolari della carta musei una newsletter elettronica con le iniziative loro riservate.

“Proseguiamo - ha dichiarato l'assessore Montesi - nel mettere a punto nuovi strumenti di rete capaci di valorizzare l'offerta culturale assieme a quella ambientale e balneare del territorio provinciale, come più volte richiesto dagli operatori nelle diverse sedi di incontro”.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 07 marzo 2007 - 1161 letture