utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

Palazzo dei giovani? Andreoni e Pellegrini (DS) poco convinti

2' di lettura
1160

Discussa ieri l'interpellanza DS sull'utilizzo dei locali ex-Macelli. Palazzo dei Giovani? Andreoni e Pellegrini molto critici sull'inutilizzo dei locali e l'attribuzione dell'etichetta "caffé letterario" all'enoteca Sciabà....

di Michela Sbaffo
redazione@vivereosimo.it

E' stata discussa ieri in sede di Consiglio Comunale l'interpellanza dei consiglieri comunali Paola Andreoni e Mauro Pellegrini (DS) in ordine alla locazione dei locali "ex-mattatoio" per attività culturali e ricreative rivolte a giovani adolescenti (per leggere il testo dell'interpellanza, clicca QUI).

Nell'esporre il testo dell'interpellanza, Pellegrini ha voluto dare voce alla perplessità di parte dell'opposizione circa la modalità di utilizzo da parte dell'Amministrazione dei locali ex-Macelli, che, presi in affitto dal Comune e ribattezzati "Palazzo dei Giovani", furono subito occupati al piano terra da un bar-enoteca (Sciabà) mentre solo recentamente hanno visto la nascita di un centro per giovani (il "Matta") al piano superiore, dopo un anno di inutilizzo e di affitto a vuoto.

L'assessore Stefano Simoncini ha risposto punto per punto alle domande dei consiglieri specificando come sia stata volontà dell'Amministrazione acquisire l'intero fabbricato nel contesto più ampio di una riqualificazione del centro storico.

Se ci è voluto tempo per rendere attivo anche il piano superiore del palazzo, il ritardo è stato dovuto alla difficoltà di trovare chi si assumesse l'incarico di portare avanti il progetto ora in corso.

All'accusa di sprechi, Simoncini ha affermato che "l'Amministrazione non si è mai fermata e ha portato avanti numerosissime iniziative per i giovani" che hanno trovato una buona risposta sul territorio: Il centro Matta è solo l'ultimo petalo in una rosa di progetti già realizzati.

Non soddisfatta la Andreoni: "Prima avete preso lo spazio e solo dopo avete pensato a cosa metterci dentro. Non potete inoltre definire 'caffé letterario' l'enoteca di Fontemagna" che non è per nulla differente da un bar qualsiasi.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 01 marzo 2007 - 1160 letture