utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

CGIL-CISL Osimo: ''Necessario incontro su sicurezza''

2' di lettura
1350

CGIL e CISL di Osimo si uniscono al dolore della famiglia Pagliarecci e chiedono che al più presto si svolga un incontro con Park.O. e Comune sulla sicurezza sul lavoro...

da CGIL-CISL Osimo

La tragica notizia della scomparsa in servizio di Cristiano Pagliarecci, autista della “Park.O” di Osimo, ha sconvolto i colleghi e l’intera comunità cittadina.

CGIL e CISL di Osimo si uniscono al dolore della famiglia, per il tragico lutto che ha colpito un giovane lavoratore che – sposato e padre di due figli - da anni lavorava con contratti a termine presso l’azienda osimana di trasporti.

Come molti altri colleghi, da troppo tempo in attesa di quel minimo di certezze sul proprio futuro che potevano arrivare, solamente, dalla tanto sospirata assunzione a tempo indeterminato.

Sarà solamente la magistratura a definire circostanze ed eventuali responsabilità.

Crediamo però sia necessario affrontare, con inedita energia ed immediatezza, tutte le questioni correlate alla sicurezza delle condizioni di lavoro; sicurezza che coinvolge al massimo livello anche le centinaia di passeggeri che ogni giorno usufruiscono del trasporto pubblico cittadino.

Occorre mettere da parte qualsiasi obiezione finanziaria, per dare a tutti – lavoratori e utenti –le certezze manutentive e di organizzazione del lavoro, atte a far sì che si scongiuri qualsiasi eventualità , prevedibile, di futura ripetizione di un simile dramma.

CGIL e CISL di Osimo ritengono indispensabile lo svolgersi di un incontro urgentissimo con i vertici aziendali e con l’Amministrazione Comunale – che della “Park.O” è proprietaria – già nelle prossime 24 ore.-

Occorre agire, e subito, per ripristinare le condizioni minime di serenità psicologica e agibilità lavorativa, indispensabili per la ordinaria prosecuzione del servizio nei prossimi giorni.

ARGOMENTI

EV

Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 24 febbraio 2007 - 1350 letture