utenti online

Bed & Breakfast della discordia: ancora nessuna soluzione

1' di lettura 30/11/-0001 -
Non è ancora stata trovata una soluzione positiva alla diatriba tra i Bed & Breakfast delle Marche e la ASUR7 che li considera “Industrie Alimentari”. E la Regione Marche, Ufficio Turistico tace e se ne sta a guardare...

da Service Press


I titolari dei Bed & Breakfast delle Marche non accettano le differenti interpretazioni che nel territorio regionale viene data all’art. 34 del Testo unico Regionale (n. 9 dell’11.07.2007).

“E’ preoccupante sapere che solamente per la ASUR 7, noi Bed & Breakfast, e solo per il nostro territorio di 11 comuni, dobbiamo sottoporci all’HACCP , quello per le Industrie Alimentari -afferma Alessandro Maria Fucili, portavoce dei gestori dell’accoglienza turistica domestica marchigiana- mentre nel resto della Provincia e della Regione, gli altri 12 dirigenti dei Servizi Igiene e Alimenti danno una lettura assolutamente differente."

E d’altro canto, se la norma regionale conduce a difformità di interpretazione da parte dei professionisti delle ASUR, è allora necessario ed urgente che il Consiglio e la Giunta Regionale intervengano con immediatezza sulla norma per definire una volta per tutte la questione e per restituire serenità ai tanti generosi gestori di Bed & Breakfast marchigiani.

“Noi non accettiamo il protocollo HACCP -conclude Fucili- semplicemente perché NON siamo industrie alimentari, e così come avviene in tutta Italia, le nostre case, le nostre abitazioni non debbono soggiacere ai controlli di igiene come avviene per ristoranti, alberghi ed agriturismi.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 24 febbraio 2007 - 1096 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV