utenti online

DS: il sindaco dimezzi il livello di indebitamento

3' di lettura 30/11/-0001 -
Ecco il suggerimento dei Democratici di Sinistra per salvare i cittadini osimani dall’aumento dell’irpef e dell’ici...

da DS Osimo


I Democratici di Sinistra di Osimo accolgono l’invito del sindaco Latini che palesemente ammette la sua inadeguatezza politica a guidare la città, necessitando delle ricette dell’opposizione.

I D.S, nell’interesse delle tasche dei cittadini osimani, si dichiarano disposti a fornire al Sindaco gli opportuni suggerimenti per governare al meglio Osimo.

PRIMO SUGGERIMENTO

Il primo suggerimento che vogliamo dare al sindaco per evitare di ritoccare, alzandola, la leva fiscale è quello di diminuire almeno di un 50% l’INDEBITAMENTO che la sua amministrazione ha determinato ai danni delle casse del Comune di Osimo.
Il sindaco spieghi, una volta per tutte, le conseguenze che ha un tale indebitamento per le tasche dei cittadini e chiarisca il motivo che sta alla base dell’aumento delle tasse che lui e la sua maggioranza stanno per approvare.

SECONDO SUGGERIMENTO

Il Sindaco anziché cercare presunti alibi nel passato abbia il coraggio di fare autocritica sulle proprie scelte. Ad esempio nella replica data alla stampa, il Sindaco glissa sul doppio incarico nella causa dell’Ospedale.

Quindi il secondo suggerimento è quello di evitare duplicazioni di incarichi e nomine di colleghi di studio, che se pur legittime, appaiono eticamente e politicamente inopportune.

TERZO SUGGERIMENTO

Abbiamo già detto al Sindaco, che sembra però sordo ai nostri consigli, che l’aumento delle tasse si eviterebbe tagliando le spese inutili e superflue. Va ricordato al Sindaco che tra le spese non ci sono solo quelle dei servizi sociali, già estremamente ridotte, che non si toccano, semmai si aumentano.

Le economie vanno ricercate:
-nella riduzione dei costi relativi agli organi delle società partecipate; per un comune come Osimo è assurdo sostenere 12 società partecipate con i relativi costi dei consigli di amministrazione e con piani industriali che non danno utili;
-nell’eliminazione dei costi di organismi e staff non indispensabili;
-nell’evitare opere superflue;
-nell’evitare sprechi per opere progettate male “fatte e rifatte”;
-nell’annullare spese per affitti, pagati a privati, di locali poi inutilizzati;
nel limitare le consulenze esterne e gli incarichi professionali esterni.

ecco a tal proposito le somme sostenute dall’Amministrazione Latini a titolo di incarichi professionali ( dati richiesti e forniti dalla segreteria Generale del Comune di Osimo):
*anno 2002 n° 204 incarichi professionali per una spesa di € 1.225.066,70;
*anno 2003 n° 225 incarichi professionali per una spesa di € 1.376.773,51;
*anno 2004 n° 158 incarichi professionali per una spesa di € 1.053.613,92;
*anno 2005 n° 171 incarichi professionali per una spesa di € 1.981.240,26;
*anno 2006 n° 153 incarichi professionali per una spesa di € 1.632.895,38;
rivalutando così le professionalità (già esistenti) interne al comune.

-nel non sprecare il tempo delle risorse professionali comunali , pagate con i soldi dei cittadini, per fare blog privati sul sito istituzionale del comune.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 17 febbraio 2007 - 1533 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV