utenti online

Imprenditore di Castelfidardo si getta dalle mura di Piazza Nuova

2' di lettura 30/11/-0001 -
Si è gettato dalla mura di Piazza Nuova Paolo Pirchio, 58 anni, di Castelfidardo. Ignote le cause del gesto...

di Michela Sbaffo
redazione@vivereosimo.it


Un salto nel vuoto sotto la pioggia invernale. Ha scelto di andarsene così, Paolo Pirchio, 58 anni, residente a Castelfidardo: si è gettato alle ore 16,45-17 circa di ieri dal punto più alto delle antiche mura di Piazza Nuova di Osimo.

Un volo lungo 15 metri terminato nell’impatto con il manto stradale della sottostante via Cialdini, pressappoco nel punto in cui si interseca con via Giulia.

La prima ad accorgersi del corpo accasciato e ormai senza vita dell’uomo è stata un’impiegata del Tribunale osimano, che ha immediatamente allertato il 113.

Sono accorse tutte le forze dell’ordine, i Carabinieri e gli agenti del Commissariato di Polizia di Osimo che, sotto la guida dell’ispettore capo Massimo Pietroselli, hanno identificato l’uomo tramite i documenti che aveva con sè.

Nelle tasche Pirchio aveva anche le chiavi della macchina ma nessun biglietto o altro che potesse in qualche modo spiegare il perché di un gesto così estremo. In merito possono essere fatte per ora soltanto ipotesi, e gli inquirenti non si sbilanciano, limitandosi a far presente quelle che solitamente possono essere le cause di gesti così drastici: depressione, esaurimento, o problemi familiari. Ma ipotesi appunto rimangono.

Quello che è sicuro è che di suicidio si è trattato. I filmati delle telecamere fisse posizionate sui lampioni di via Saffi, e già all’esame della Polizia, escludono la possibile responsabilità di terzi: nel drammatico momento infatti l’uomo era totalmente solo.

Alla Polizia il compito di avvertire i familiari. Per disciplinare il traffico di via Cialdini, parzialmente occupata dalle transennature a proteggere il corpo coperto da un bianco lenzuolo, è intervenuta la Polizia Munipale.

Paolo Pirchio era co-titolare assieme al socio Mario Malizia della Mpm Music, ditta specializzata nella costruzione di strumenti musicali e relativi supporti. Sua è l'invenzione, nel 1978, del supporto per tastiere Qui-Lok che ha rivoluzionato il mondo musicale ed è stato subito utilizzato da acclamati artisti quali Sting, Bruce Springsteen, Miles Davies.

La ditta non ha nessun problema di tipo economico, anzi è florida. Si esclude perciò la possibilità di un suicidio per difficoltà economiche. Pirchio era sposato, e aveva due figli, un maschio e una femmina, entrambi al lavoro nella ditta paterna.






Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 08 febbraio 2007 - 3479 letture

In questo articolo si parla di cronaca





logoEV
logoEV