utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

I successi di Rino Gaetano sul palco del Barfly stasera con i “Ciao Rino”

2' di lettura
1150

Da “Gianna” a “Berta filava”, arrivano le note del talento calabrese: i “Ciao Rino” al Barfly nel nome di Rino Gaetano

da Barfly

Dopo il successo del rock demenziale dei Gem Boy arriva al Barfly un gruppo che si muove tra emozioni, colori ed immagini in nome dell’effervescente Rino Gaetano.

Stasera, Sabato 13 gennaio, sul palco del music club anconetano saliranno i “Ciao Rino”.

Fondato nel '99 da Alessandro D'Orazi e Gianfranco Mauto, il gruppo "CiaoRino" si è affermato nell'universo dei gruppi tributo riscuotendo innumerevoli consensi e riconoscimenti per aver omaggiato la musica del grande "Rino Gaetano".

Con oltre 400 concerti su e giù per l'Italia, i "CiaoRino" hanno il merito di aver contribuito attivamente alla riscoperta di tanti, compreso il settore discografico, dell'opera di questo grande e prezioso artista.

Così dopo oltre venticinque anni dalla sua scomparsa, il gruppo ripropone in chiave riarrangiata e rivisitata i suoi brani piu' famosi in un viaggio coinvolgente ed emozionante senza trascurare i pezzi meno conosciuti, quelli che davvero sono il riflesso della sua grande particolarità. Uno spettacolo originale,frizzante e divertente, che ci riporta indietro nei favolosi anni' 70.

I "CiaoRino" sono Francesco Accardo detto Ciccio alla chitarra elettrica, Peppe Russo al sax e flauto, Paolo Fabbrocino batteria, Beppe Mangiaracina al basso, Gianfranco Mauto voce e piano, Alessandro D'Orazi voce e chitarre folk.

Tutto è cominciato quasi per gioco,quattro amici si ritrovano in una cantina che sa di muffa a suonare le sue canzoni, era il '99 ormai il secolo scorso. Da allora hanno fatto innumerevoli esibizioni.

“Ci siamo innamorati di queste canzoni, i concerti fatti in questi anni e questa passione mai finita lo dimostrano. L'affetto di chi viene ad ascoltarci, per chi le conosce o chi le ascolta per la prima volta non conosce sosta.

Ed è questa, per noi, la più bella soddisfazione!

Rino aveva capito chiaramente il senso di tantissime cose, la sua lucidità nell’osservare la realtà è ancora più disarmante di oggi, quando tantissime persone cantano insieme a noi queste parole , i sorrisi si alternano alla malinconia, e quello che viene fuori in ogni concerto è l’amore vero per un artista che non se ne andato mai”
.

E da “Berta filava” a “Gianna” a “Spendi spandi effendi” a “Nuntereggaepiù” a “Aida” a “Ahi Maria”, ci saranno tutte.

Ora inizio concerti 22.30.
Per info: 071.2901224


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 13 gennaio 2007 - 1150 letture