utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

Andreoni: ''Ecco come 'fanno' funzionare 5 Torri''

2' di lettura
2265

La Andreoni, il cui intervento non è stato pubblicato nell'apposita rubrica del periodico 5 Torri, torna ad accusare la maggioranza di censura...

di Michela Sbaffo
redazione@vivereosimo.it

Il periodico di informazione del Comune di Osimo “5 Torri” da tempo è solito offrire uno spazio denominato “Tribuna aperta” in cui i consiglieri comunali tanto di maggioranza quanto di opposizione hanno la possibilità di proporre ai lettori un proprio intervento su un argomento di attualità politica locale o nazionale.

Nel numero attualmente in distribuzione presso le famiglie osimane non figura l’intervento di 4 consiglieri di minoranza: Sandro Cittadini (PRC), Luigi Giacco, Graziano Piergiacomi, Paola Andreoni (DS). Si legge a pg. 28: “Nonostante l’invito (ad inviare un proprio intervento), non tutti (i consiglieri), alla fine, hanno voluto o potuto intervenire. Infatti, come si vede, mancano all’appello in quattro.”

Il consigliere Paola Andreoni ha tuttavia affermato in diverse occasioni di aver inviato il proprio pezzo, “Lo scorso 8 novembre alle ore 7.30 e conservo ancora il messaggio di conferma dell’avvenuta ricezione da parte del Comune”. Di qui il sospetto da parte della consigliera diessina di una precisa volontà da parte dell’amministrazione comunale di censurare l’intervento (intitolato “il Comune assiste se stesso” e contenente delicate informazioni circa diversi contributi erogati dal Comune alle società partecipate) non consentendone la pubblicazione.

Il Sindaco Dino Latini ha precisato che “il consigliere Andreoni, come Cittadini, Giacco e Piergiacomi non hanno consegnato in tempo utile (nonostante le sollecitazioni del redattore del 5 Torri) i loro articoli, che quindi non si sono potuti pubblicare”. Il termine di consegna dei pezzi all’addetto stampa incaricato era infatti il 31 Ottobre. La Andreoni ha confermato di aver inviato il pezzo in questione solo dopo il termine ultimo ma ha aggiunto che un leggero ritardo è di consuetudine tollerato o per lo meno così le era stato assicurato.

E ora, dal forum di www.osimonews.it (topic: La discutibile gestione del "5 Torri"), il capogruppo DS torna all’attacco, rilevando come nell’intervento del consigliere di maggioranza Mirko Gallina pubblicato su 5 Torri vi siano riferimenti a fatti accaduti dopo il 31 Ottobre. “Tanto basta a capire che la sottoscritta non è stata l’unica a consegnare l’articolo in ritardo! – recita il post della Andreoni – E’ evidente come il consigliere di maggioranza abbia avuto un trattamento completamente diverso da quello che ha avuto la sottoscritta.”


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 03 gennaio 2007 - 2265 letture