utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

L'Imesa Osimo torna alla vittoria battendo il Palestrina 93-80

4' di lettura
965

Importante successo conquistato dalla Robur, dopo le due pesanti sconfitte siciliane di Patti e Trapani. Mercoledì 20 di nuovo in campo al PalaBaldinelli, alle 20.30, avversario il Pistoia.

da Imesa Osimo

L’Imesa Osimo ha messo a segno la settima vittoria stagionale battendo la Tlc Italia Palestrina per 93-80, al cospetto di un caloroso pubblico, oltre 1.100 i presenti, con il gradito ed importante ritorno del sostegno degli ultras.

Un successo molto importante perché giunto dopo due sconfitte consecutive, rimediate dall’Imesa nelle trasferte siciliane di Patti e di Trapani.

Dopo un avvio di gara caratterizzato da un grande equilibrio, tanto che l’Imesa ha chiuso avanti di un sol punto i primi dieci minuti, 25-24, la svolta del match giunge nel corso del secondo parziale, a seguito di un fallo tecnico fischiato al giocatore Palombita del Palestrina, il più forte degli ospiti, alla fine segnerà 26 punti, che ha prodotto un break di 7-0 a favore dell’Imesa, con quattro liberi consecutivi realizzati da un glaciale Gurini e da una bomba di Marco Pazzi nell’azione successiva. Break che ha permesso all’Imesa di portarsi sul 46-37.

Da questo momento in poi la squadra di Cioppi prende il largo, mettendo alle corde il Palestrina. Grande difesa e attacco implacabile, così il secondo quarto si chiude con l’Imesa avanti di 15 punti: 55-40. Il terzo parziale è contrassegnato da un sostanziale equilibrio. L’Imesa tocca il massimo vantaggio al quinto minuto con una conclusione di Panichi che porta i suoi a più 21: 67-46. Poi si assiste al ritorno del Palestrina che riesce a recuperare un po’ di terreno.

Il terzo parziale si chiude 76-63 a favore dell’Imesa. Nell’ultimo quarto la formazione di Stefano Cioppi, forse un po’ stanca, sembra aver smarrito la via del canestro, ma riesce a tenere testa al ritorno del Palestrina, che a 53’’ dal fine del match si porta addirittura a -6 (86-80). Poi, in un acceso finale l’Imesa riesce a ritrovare pesanti conclusioni, tanto da allungare di nuovo il passo, allargando il divario.

A suggellare la vittoria dell’Imesa una schiacciata di Ryan Bucci messa a segno proprio sul suono della sirena grazie ad un pregevole assist di capitan Calbini. Nelle file dell’Imesa tutta la squadra è andata a referto, con tre giocatori in doppia cifra: Pazzi, con 18 punti, Bucci con 20 e Gurini con 21.

Da segnalare che nel corso della conferenza stampa post-gara, il presidente dell’Imesa Nazzareno Mengoni ha dichiarato che la società non acquisterà nessun giocatore come si era invece vociferato nei giorni scorsi, dando la completa fiducia a questo gruppo.

Neanche il tempo di festeggiare per questo successo che l’Imesa tornerà al lavoro per preparare il match casalingo con il Pistoia, si giocherà mercoledì 20 dicembre, alle 20.30, al PalaBaldinelli.


Imesa Osimo-Tlc Italia Palestrina 93-80

Imesa Osimo: Pazzi 18 (5/10 da 2; 2/3 da 3; 2/2 t.l.), Macchniz 4 (0/1; 1/5; 1/2), Benevelli 6 (2/5; 0/0; 2/2), Gurini 21 (2/4; 4/5; 5/5), Monaci, Benassi 8 (2/2; 1/1; 1/2), Panichi 6 (3/7), Calbini 6 (1/4; 1/2; 1/2), Rezzano 4 (1/1; 0/2; 2/2), Bucci 20 (2/4; 2/4; 10/13). All. Cioppi

Tlc Italia Palestrina: Laudani, Di Lembo 5 (1/3; 1/4; 0/0), Perna, Cortesi 16 (3/7; 3/3; 1/3), Sperduto 17 (1/4; 3/5; 6/6), Carpinetti 6 (3/5), Palombita 26 (9/10; 2/7; 2/4), Piazza 10 (1/2; 2/4; 2/2), Raffaele (0/1 da 2), Spizzichini (0/1 da due). All. Polidori
Arbitri: Flammini di Ferrara e Bartoli di Trieste

Parziali: primo quarto 25-24; secondo quarto 30-16 (55-40); terzo quarto 21-23 (76-63), quarto quarto 17-17 (93-80).

Note: tiri, Imesa Osimo 18/38 da 2 (47%), 11/22 da 3 (50%), totale 29/60 (48%), 24/30 t.l. (80%); Tlc Italia Palestrina 18/33 (55%), 11/23 (48%), totale 29/56 (52%), lib. 11/15 (73%). Rimbalzi: Imesa Osimo dif. 21, att. 15, tot. 36; Tlc Italia Palestrina 16, 8, 24. Usciti per 5 falli: Di Lembo (P). Spettatori: 1.100 circa.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 dicembre 2006 - 965 letture