utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

I Giovani Comunisti pronti alla manifestazione del 23

3' di lettura
889

I Giovani Comunisti del circolo di Rifondazione Comunista di Osimo e della provincia di Ancona aderiscono alla manifestazione che si terrà sabato 23 dicembre alle ore 17 ad Osimo in P.zza Boccolino.

da Giovani Comunisti - Circolo Prc di Osimo

I Giovani Comunisti si battono in tutto il paese per la costruzione di spazi sociali liberati dalla speculazione capitalistica e dalla guerra imperialista. Difendono il diritto delle donne e degli uomini a conquistare spazi pubblici da autogestire e promuovere come luoghi fisici e politici di alternativa sociale, nonchè come soggetti collettivi militanti anticapitalisti, antifascisti ed antimperialisti.

Sostengono le esperienze autorganizzate di base, in quanto esse rappresentano la reale alternativa al modello neoliberale che contraddistingue tanto i governi di centrodestra quanto quelli di centrosinistra e costituiscono le basi pacifiche e rivoluzionarie per la costruzione di una democrazia sostanziale e partecipata ed un'economia sostenibile, equa e solidale.

La costruzione di spazi sociali autogestiti nel territorio a sud di Ancona, ed in particolare ad Osimo, è un passo che non può essere rinviato ulteriormente.

Le politiche dell'amministrazione comunale hanno portato una devastazione territoriale, come ha dimostrato la recente alluvione, senza precedenti. Il territorio, al di là della proprietà civile, è un bene sociale che appartiene a tutta la comunità e il suo sacrificio sull'altare della speculazione di privati e palazzinari è un'ingiustizia sociale inflitta a tutti i cittadini osimani, ai cittadini dei territori limitrofi ed alle generazioni future.

Per questo i Giovani Comunisti partecipano alla protesta contro il governo delle liste civiche del sindaco Latini, in quanto identificano questa giunta con una politica che, negli interessi di pochi, sacrifica i diritti di molti, devasta il territorio, privatizza i beni pubblici, riduce la partecipazione democratica, calpesta la meritocrazia ed il conseguente buon andamento della pubblica amministrazione.

I Giovani Comunisti invitano tutti i partiti di opposizione e i tutti gli Osimani ad unire le loro forze e le loro idee alla protesta del comitato promotore (CSSA, L.U.P.O., Circoletto ARCI) ed alla lotta per la riconquista del territorio, "rubato" dalla speculazione capitalistica.

Infine i Giovani Comunisti esprimono solidarietà al Circoletto, per aver subito l'ingiustizia di un'ordinanza del sindaco di chiusura coatta autoritariamente arbitraria, e non sufficientemente motivata. Indigna il fatto che l'amministrazione comunale, senza neanche consultare la cittadinanza, abbia deciso di gettare in mani private il più antico e valoroso palazzo del centro storico, rinunciando ad esercitare il diritto di prelazione a favore di acquirenti privati e probabilmente graditi al potere pubblico vigente.

Inquieta il fatto che l'amministrazione abbia tenuto a precisare che l'ordinanza del sindaco non ha nulla a che vedere con le vicende contrattuali del Circoletto, che giustamente resiste nella sua volontà di rimanere nel luogo della sua storica esistenza.

Per queste ragioni i Giovani Comunisti scenderanno in piazza sabato prossimo al fianco del comitato promotore (CSSA, L.U.P.O., Circoletto ARCI) e rinnovano l'invito a tutte le altre forze di opposizione e alla cittadinanza stanca di essere governata da pochi prepotenti a fare lo stesso.

Il momento di alzare la testa e dire basta è arrivato, ribellarsi è giusto!

Giovani Comunisti - Circolo Prc di Osimo
Giovani Comunisti - Coordinamento provinciale di Ancona

ARGOMENTI

EV

Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 dicembre 2006 - 889 letture