utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

Via S.Francesco: i commercianti chiedono più attenzione

2' di lettura
1311

I commercianti di via S.Francesco lamentano la carenza di attenzione verso la loro strada e la piazzetta antistante la Basilica: nessun spazio per la sosta, nessuno stand nelle feste.

di Redazione

I commercianti di via S.Francesco si lamentano della scarsa attenzione del Comune verso la loro via e la piazzetta antistante la Basilica di S.Giuseppe: nessuna bancherella in occasione delle festività, piazza interdetta alla sosta delle automobili ma aperta alle operazioni di carico e scarico.

Risultato: pochi clienti e la stradina angusta sempre intasata del traffico che defuisce dalla Piazza centrale.

In attesa di un incontro tra commercianti e Sindaco, al momento così l’Amministrazione risponde:

“Premesso che la protesta dei commercianti è del tutto legittima e in alcuni aspetti anche giusta e che il Sindaco sarà ben lieto di incontrarli, vanno precisati alcuni aspetti.

Innanzitutto la giornata del Chocolate day che ha richiamato quest’anno una enormità di persone, si è svolta dal 2001 sempre allo stesso modo.

Nelle riunioni con i commercianti del Centro Storico tenutesi lunedì 6 e lunedì 13 novembre è emersa l’opportunità di ampliare l’area di intervento con altri stands. Via San Francesco sarà ovviamente compresa.

Inoltre, indipendentemente dal contributo dei commercianti, Via San Francesco sarà illuminata alla pari del Corso Mazzini e la piazzetta di San Giuseppe ospiterà uno specifico stand.

Infine, per quanto riguarda l’annoso problema dei parcheggi della predetta piazzetta San Giuseppe da Copertino, la scelta compiuta dall’Amministrazione Comunale è stata dettata dal fatto che la stessa era sempre piena di auto in sosta vietata che determinavano grande difficoltà al locale mercato delle erbe e alla vicina basilica.

In ogni caso l’Amministrazione Comunale è disponibile a rivedere altre soluzioni proposte dagli interessati.”


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 18 novembre 2006 - 1311 letture