utenti online

Pirani: ''Presto un nuovo regolamento della polizia rurale''

1' di lettura 30/11/-0001 -
Altri interventi del Comune in favore delle famiglie in difficoltà. Contemporaneamente si lavora per il nuovo regolamento della polizia rurale, con tanto di sanzioni per i trasgressori e l’istituzione di un corpo di volontari della Protezione Civile che monitorizzi il territorio.

di Michela Sbaffo
redazione@vivereosimo.it


A un mese dall’alluvione del 16 settembre non si ferma la macchina comunale degli aiuti: “Sono circa 600 le famiglie danneggiate dal nubifragio, tra Osimo Stazione, S.Biagio e Campocavallo –spiega l’assessore Francesca Triscari– Dopo aver ottenuto tramite convenzioni con aziende locali la concessione di diverse automobili nonché la possibilità di facilitazione per l’acquisto di mobili per le famiglie più in difficoltà, ora potremo anche distribuire alle stesse caldaie e presto, forse, lavatrici e frigoriferi.”

Per evitare però che un disastro simile si ripeta è necessario intervenire sul territorio: “In 100 anni non si è mai verificata una precipitazione di pari entità –aggiunge Giuseppe Mengoni, Dirigente Tecnico Astea- certo però gli eventi meteorici diventano ogni anno sempre più violenti ed è necessario lavorare per aggiornare il nostro sistema fognario: per questo abbiamo pianificato diversi interventi.”

Tra le priorità, responsabilizzare agricoltori, cittadini e enti pubblici alla vigilanza sul territorio: “Stiamo approntando un nuovo regolamento della polizia rurale –spiega l’assessore Francesco Pirani– in cui sono previste sanzioni per i trasgressori e l’istituzione di un corpo di volontari della Protezione Civile che monitorizzi il territorio.” Lo scenario su cui operare rimane comunque vasto: “C’è assoluta necessità di una collaborazione sovraccomunale”, concordano gli assessori.

   

EV




Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 14 ottobre 2006 - 1010 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/enom