utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO >

No della Sala Gialla alla ricerca sulle cellule staminali embrionali

1' di lettura
902

L’occasione per deliberare su un tema così delicato è stata fornita dalla mozione proposta in aula dal consigliere comunale Claudia Domizio: ben 16 consiglieri hanno votato per esprimere il proprio "no" alla ricerca sulle cellule staminali embrionali.

di Michela Sbaffo
redazione@vivereosimo.it
A pochi giorni dalla decisione dei ministri della ricerca Ue di dare il via libera ai finanziamenti alla ricerca sulle cellule staminali embrionali, la Sala Gialla oppone un fermo “no”, a difesa della Legge 40/04 confermata dalla volontà popolare con l’esito del referendum del 2005.

L’occasione per deliberare su un tema così delicato è stata fornita dalla mozione proposta in aula dal consigliere comunale Claudia Domizio, rappresentante CdL e membro dell’intergruppo consiliare “Persona e bene comune per Osimo” da poco costituitosi sull’esempio dell’intergruppo parlamentare omonimo presieduto da Luca Volontè, il cui obbiettivo è difendere e promuovere la vita e la persona umana.

Ben 16 voti a favore della mozione proposta dal consigliere. Solo tre i contrari tra cui Luigi Giacco che ha motivato la sua scelta dichiarando il nuovo indirizzo scientifico approntato in sede nazionale ed europea comunque ‘rispettoso della sacralità della vita’.

L’accordo di Bruxelles siglato nei giorni scorsi prevede infatti il finanziamento europeo di ricerche sulle linee di cellule staminali embrionali già esistenti e crioconservate mentre oppone un secco rifiuto alla distruzione di embrioni al fine di produrre cellule staminali.

ARGOMENTI

EV

Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 28 luglio 2006 - 902 letture