utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO >

La musica celtica europea passa per Castelfidardo

2' di lettura
953

Il 30 luglio alle 21.30 nel Parco delle Rimembranze del Monumento suoneranno Martin Hayes & Dennis Cahill e Arz Nevez per la IX edizione di Folk Concerto, la rassegna promossa dall’associazione culturale Centro studi Oriente-Occidente di Ancona.

da Centro studi Oriente-Occidente di Ancona
www.orienteoccidente.org
E’ la musica celtica in Europa l’ispirazione della IX edizione di Folk Concerto, la rassegna promossa dall’associazione culturale Centro studi Oriente-Occidente di Ancona, che, per prima, ha introdotto nelle Marche la musica della tradizione folk, attualizzata, delle aree dell’Europa occidentale e atlantica, e che vuole approfondire un legame storico con la regione, dovuto alla presenza dei Galli Senoni, i Celti delle Marche.

I sei concerti della rassegna, con la direzione artistica di Giuseppe A. Possedoni, vedono la collaborazione dell’assessorato alla Cultura della Regione Marche, Comune e Provincia di Ancona, Comune di Fermo, Comune di Castelfidardo, Associazione Cavalcata dell’Assunta di Fermo, si svolgeranno fra Ancona, Castelfidardo e Fermo fra il 25 luglio e il 15 agosto, tutti ad accesso gratuito.

A Castelfidardo il 30 luglio alle 21.30, nel Parco delle Rimembranze del Monumento, suoneranno Martin Hayes & Dennis Cahill e Arz Nevez. Il violinista irlandese Hayes e il chitarrista americano Cahill, che replicheranno il 1 agosto ad Ancona, possiedono una straordinaria affinità musicale, che li eleva fra i più rari connubi artistici dell’attualità per aver condotto la musica tradizionale irlandese agli estremi confini del suo genere.

Uno spettacolo indimenticabile, che Hayes descrive come una “conversazione a tre, fra noi due e la musica”. Il gruppo Arz Nevez, che tradotto vuol dire “Arte nuova”, rivisitano il patrimonio musicale tradizione della Bretagna con una sensibilità tipica di interpreti di classica, con la purezza espressiva della musica da camera.


ARGOMENTI

EV

Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 24 luglio 2006 - 953 letture