utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO >

Perizia sull'incidente prima di deliberare sul risarcimento

1' di lettura
1044

Due anni fa Antonio Scarponi, noto tipografo e editore osimano, e la figlia riportarono gravi lesioni in seguito a un incidente: ora una consulenza di ufficio stabilirà irrevocabilmente l’esatta dinamica del sinistro al fine del risarcimento.

di Redazione
Il 19 giugno 2004 è una data che Antonio Scarponi, noto tipografo e editore osimano, non potrà mai dimenticare: in sella alla sua moto stava andando al mare con la figlia allora sedicenne Paola quando, all’altezza della Provinciale sirolese, un fuoristrada condotto da A.A., professionista anconetana, ha invaso la corsia opposta centrando in pieno la moto.

Padre e figlia vennero traportati di urgenza nella sala di rianimazione di Torrette dove stettero a lungo in coma per poi risvegliarsi con gravi lesioni permanenti. La figlia di Scarponi, ritenendo inadeguato il risarcimento giunto dall’assicurazione, ha chiesto l’apertura di un procedimento legale.

I tempi giudiziari si preannunciano lunghi: la controparte ha infatti richiesto e ottenuto una consulenza di ufficio che stabilisca irrevocabilmente l’esatta dinamica del sinistro avvenuto ormai due anni fa.

ARGOMENTI

EV

Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 20 luglio 2006 - 1044 letture