utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO >

Polo Scolastico, TAR: ''il concorso perfettamente in regola''

1' di lettura
1140

Respinta dal Tar Marche la richiesta di sospensiva per gli esiti del concorso di idee per il Polo Scolastico di via Vescovara presentata dall'architetto Michele Fatigato, che, classificatosi ex-aequo al quarto posto, riteneva non essere stata rispettata la regola dell'anonimato.

di Michela Sbaffo
redazione@vivereosimo.it
Per la realizzazione del Polo Scolastico in via Vescovara nello scorso 12 aprile sono stati presentati presso la Sala Maggiore municipale i tre progetti vincitori del concorso di idee promosso dal Comune di Osimo al fine della creazione del nuovo plesso scolastico: al primo posto si è piazzata la Well Tech s.r.l. rappresentata dal capogruppo dott. arch. Baldo Calogero di Agrigento, seguita dall’elaborato del team coordinato dalla dott. arch. Lorena Luccioni di Firenze e quindi dal progetto del dott. ing. Franco Luminari di Jesi.

I nomi dei vincitori erano già stati resi noti prima della cerimonia di premiazione quando, in data 10 aprile, l’architetto Michele Fatigato, classificatosi ex-aequo al quarto posto, ha presentato ricorso al TAR richiedendo un provvedimento di sospensiva sull’assegnazione del premio: secondo Fatigato, alcune buste violavano la regola dell’anonimato poiché mostravano elementi che svelavano la paternità dei progetti contenuti influenzando il giudizio della Giuria.

Il Tar Marche ha respinto la richiesta di sospensiva presentata dal tecnico. Il Comune nei primi di maggio scelse di opporsi al ricorso, al fine di "tutelare la legittimità dell’operato dei competenti uffici di questa Amministrazione e dall’altro di assicurare la realizzazione nei tempi previsti di un’opera pubblica di fondamentale importanza per la città”


Nella foto: il progetto vincitore

ARGOMENTI

EV

Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 18 luglio 2006 - 1140 letture