utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO >

TOSAP e Park.O.: il Comune revoca la richiesta di pagamento

2' di lettura
1019

L’Amministrazione Comunale ha revocato la delibera in cui richiedeva alla società il pagamento delle occupazioni di suolo pubblico realizzate per gli anni 2001-2002 sulle aree destinate a parcheggi.

di Michela Sbaffo
redazione@vivereosimo.it
Il contenzioso tra Park.O. Spa e Comune di Osimo in materia di TOSAP (Tassa Occupazione Spazi e Aree Pubbliche) si spegne con un nulla di fatto.

L’Amministrazione Comunale infatti ha revocato la delibera datata 9/3/2004 in cui richiedeva alla società il pagamento delle occupazioni di suolo pubblico realizzate per gli anni 2001-2002 sulle aree destinate a parcheggi: verranno perciò annullati gli avvisi di accertamento inviati alla società così come verrà richiesto alla Park.O. Spa di rinunciare conseguentemente ai ricorsi presentati.

La decisione della Giunta viene totalmente incontro al parere legale offerto dalla avv. Valeria Mancinelli incaricata di pronunciarsi sulla questione. Da una attenta analisi del contratto di servizio stipulato nel 30/6/2001 erano emerse infatti alcune ambiguità dello stesso in relazione all'effettiva natura del contratto, da qualificarsi come attribuzione del servizio di gestione del parcheggio ovvero quale concessione delle aree destinate a parcheggio.

A queste due differenti fattispecie la giurisprudenza in materia tributaria riserva un diverso trattamento: nel primo caso ritiene non applicabile la TOSAP; nel secondo ritiene comunque soggette a tassazione le aree destinate a parcheggio.

Secondo il parere del legale, il fatto che la Park.O. Spa sia una società interamente partecipata dal Comune a cui è stata conferita la titolarità di diversi servizi pubblici locali e in particolare della gestione dei parcheggi a pagamento rende la società stessa immune alla tassazione TOSAP. Di qui la decisione della Giunta, formalizzata martedì scorso in un’apposita delibera, di chiudere il contenzioso.

ARGOMENTI

EV

Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 01 luglio 2006 - 1019 letture