utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

Lavorare presso un'istituzione europea: ecco la Guida

2' di lettura
1028

E' uscita la nuova guida di Eurocultura 'UNIONE EUROPEA' nella collana "Lavorare all’estero": in essa numerosi consigli utili per chi volesse informazioni circa la possibilità di lavorare presso un’istituzione europea.

da eurocultura.it
www.eurocultura.it

Lavorare presso un’istituzione europea è a tutt’oggi, per un laureato o un diplomato, una grande aspirazione. Molti giovani sono attratti dal fatto che questo impiego significa innanzitutto vivere all’estero per periodi anche lunghi, in ambienti multiculturali e con persone delle più varie origini.

Le istituzioni europee (organizzazioni, uffici e agenzie) occupano globalmente 30.000 persone. Per accedere ad una posizione permanente l’unico modo è attraverso il superamento di un concorso. Ciascuna istituzione offre anche numerose possibilità di impiego a contratto.

Le istituzioni fanno appello a tre tipi di categorie professionali: i funzionari, gli agenti temporanei e il personale esterno. Il principio cardine della selezione è esclusivamente il merito.

Nel gennaio 2006 l’Italia era uno dei due Paesi maggiormente rappresentati nel gruppo dei funzionari. Tra funzionari permanenti e a contratto, presso la Commissione lavorano circa 2600 italiani (1100 donne, 1600 uomini), pari all’11,6% del totale. I numeri degli altri grandi paesi sono: Francia 2600, Germania 2100, Regno Unito 1400.

Non dobbiamo, però, dimenticare che non è solo il concorso a permettere l’accesso alle istituzioni europee. Esistono anche altre modalità, che possono variare a seconda della qualifica e di altre peculiarità personali.

Esiste, infatti, un bacino più ampio di quello “istituzionale”, dove lo spirito europeo potrebbe trovare altrettanta applicazione. Ci sono tantissimi uffici di “lobbying” in giro per l’ Europa, principalmente a Bruxelles e nel Lussemburgo.

Dal comparto sociale (es.: i sindacati) a quello delle televisioni pubbliche, dalle rappresentanze economiche italiane (es.: associazioni produttive) fino ai coordinamenti delle organizzazioni no-profit e dello sport.

Chi desidera fare questa esperienza, ma non sa quali siano le possibilità, il percorso del reclutamento, le regole, i tempi, le scadenze, e magari non sa che cosa propriamente aspettarsi, può utilmente leggere la nuova guida di Eurocultura 'UNIONE EUROPEA' nella collana Lavorare all’estero.
Per ordinare questa guida (costo € 6,50), seguire le indicazioni contenute nella pagina web www.eurocultura.it/guide2.php .

ARGOMENTI

EV

Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 22 aprile 2006 - 1028 letture