utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO >

Alleanza Nazionale: ''Valli del Misa, Nevola e Musone determinanti''

2' di lettura
1148

Fini si può ritenere soddisfatto, al di là del risultato nazionale aveva richiesto più consenso alla destra e il suo appello nella nostra vallata è stato raccolto in pieno.

da Alleanza Nazionale
La vallata del Misa e Nevola, insieme alla vallata del Musone, contribuiscono in modo determinante all'affermazione elettorale provinciale del partito di Gianfranco Fini che supera di almeno due punti il dato nazionale.

Nicola Malerba dirigente nazionale del partito, si ritiene estremamente soddisfatto per i risultati che vedono a partire da Senigallia ed in tutta la vallata un incremento di consensi che permette di vedere i prossimi appuntamenti ellettorali che coinvolgeranno il nostro territorio con una buona dose di ottimismo.

"Mi sento in dovere innanzitutto di ringraziare i tanti militanti del partito che si sono adoperati in ogni paese con abnegazione; molte volte queste persone sono dimenticate, ma permettono con il loro lavoro e la loro dedizione di raggiungere risultati che permettono a noi dirigenti di prendere meriti davanti all' opinione pubblica. La passione che li ha animati ha permesso di raggiungere obiettivi insperati in una zona sicuramente difficile come la nostra, dove la sinistra la faceva da padrona."

Dato non trascurabile l'impegno e la presenza di Mario Baldassarri e Carlo Ciccioli sul territorio, pur in una posizione "blindata" di capolisti e sicuramente eletti non si sono risparmiati denotando uno spirito di partito che è doveroso evidenziare.

L' elezione di Ciccioli in particolare, essendo il primo parlamentare della Provincia di Ancona eletto della destra, ha un significato particolare che ripaga un percorso difficile partito anni fa fatto di disciminazioni, di sofferenza di tanti militanti della nostra provincia che vengono ripagati con un nostro rappresentante presso il Parlamento italiano.


Nell'immagine: Fini e Malerba

ARGOMENTI

EV

Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 15 aprile 2006 - 1148 letture