utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO >

La corsa dei cani annullata: due presidenti a confronto

2' di lettura
1174

Non si è più svolta la 'corsa dei cà' organizzata dalla A.S.S.O. e programmata per martedì scorso, ultimo giorno di Carnevale. Difatti lunedì sera è arrivata la comunicazione del parere sfavorevole dell’Ufficio Veterinario della Asur di Ancona nei confronti dell'iniziativa.

di Michela Sbaffo
redazione@vivereosimo.it

La ‘corsa dei cà’ prevista per martedì in piazza Boccolino dalle ore 17 alle 20 non si è tenuta per ‘la contestazione degli animalisti’: così recitano i volantini affissi a correzione dei cartelloni pubblicizzanti la manifestazione.

L’iniziativa era stata ideata dalla A.S.S.O. s.r.l. per concludere il ciclo di appuntamenti carnascialeschi (‘Carnevale dei Fioli, dei Granni, dei Cà’) con la rievocazione, per l’ultimo giorno di Carnevale, di una gara popolare che si svolgeva nella nostra città fino a 80 anni fa.

Sauro Mercuri, presidente della A.S.S.O., così ci ha spiegato l’accaduto: “Gruppi di animalisti hanno presentato un esposto all’Ufficio Veterinario della Asur di Ancona contro la manifestazione e solo lunedì sera è arrivata la comunicazione del parere sfavorevole dell’Ufficio. Eppure, nel regolamento abbiamo prestato molta attenzione a tutelare la sicurezza di cani e spettatori nel corso della competizione: utilizzo obbligatorio della museruola, selezione di cani non aggressivi. Il gioco si sarebbe risolto in una semplice corsa senza alcun tipo di offesa nei confronti degli animali.”

Manuela Pallotta, presidentessa della Associazione ‘Amici Animali’, replica: “Il presidente scarica interamente su di noi la decisione del Dirigente del Servizio Veterinario della Asur di Ancona di bocciare l’iniziativa in quanto non in linea con le normative vigenti in materia di benessere animale. Noi non abbiamo fatto alcuna protesta o manifestazione contro la corsa, abbiamo solamente segnalato a chi di dovere una iniziativa discutibile che costringeva i cani a correre con la museruola accerchiati da una folla di sconosciuti per il semplice divertimento degli spettatori.”

ARGOMENTI

EV

Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 02 marzo 2006 - 1174 letture