utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO >

''I tagli della Finanziaria non graveranno sulle fasce più deboli''

2' di lettura
1048

Apprezzamento delle segreterie zonali di Cgil e Cisl, unitamente alle rispettive Federazioni di categoria dei pensionati Spi-Cgil e Fnp-Cisl per le iniziative operate dall'Amministrazione Comunale al fine di difendere le fasce più deboli della popolazione dai tagli operati dalla Finanziaria. Tra le due parti è stato inoltre siglato un protocollo d'intesa, di cui seguono i punti principali.

da Comune di Osimo
.
"Pur in considerazione della drastica riduzione dei trasferimenti provenienti dallo Stato e dei rigorosi limiti di spesa imposti agli Enti Locali dalla Legge Finanziaria, si conviene sull’opportunità di non scaricare le conseguenze derivanti da tale situazione sulle condizioni economiche e di vita delle fasce più deboli della popolazione.

Alla luce di ciò, si giudica molto positivamente la scelta assunta dall’Amministrazione Comunale di mantenere inalterata la spesa destinata alle politiche sociali, nell’intento di continuare a garantire alla cittadinanza, anche per l’anno in corso, gli stessi servizi a domanda individuale e collettiva già erogati nel 2005.

Dal punto di vista dei costi per l’utenza, si conviene sulla assoluta necessità di non aumentarli. Di conseguenza, il costo di servizi di fondamentale importanza per la cittadinanza, quali ad esempio asili nido, trasporto scolastico, eccetera non subirà alcun aumento rispetto all’anno precedente.

In merito alle imposte, si apprezza la scelta fatta dall’Amministrazione di mantenere inalterate l’aliquota Ici (4x1000 sulla prima casa, 7x1000 sulla seconda) e l’addizionale Irpef (0,4 per cento) e di aumentare la Tarsu entro i limiti dell’inflazione programmata (+ 1,53 di aumento medio).

Per quanto concerne il servizio di assistenza domiciliare, le parti convengono sulla necessità di promuovere l’esistenza di questo servizio, tuttora non adeguatamente conosciuto dalla cittadinanza.

Per quanto riguarda l’organizzazione e la gestione dei servizi sociali, si concorda sulla necessità che l’Amministrazione Comunale si assuma completamente tutti i compiti di natura decisionale inerenti tale argomento, eventualmente delegando ad altri soggetti operanti nel settore (Asso compresa) attività di carattere meramente esecutivo.

Le parti riconoscono inoltre l’esigenza di un potenziamento quantitativo e qualitativo dell’Ufficio Servizi Sociali del Comune di Osimo. Infine, in qualità di Comune capofila e in virtù del ruolo assegnato dalla legge al Comitato dei Sindaci dell’Ambito XIII, l’Amministrazione si impegna a svolgere un ruolo propulsore nel definire un modello di gestione unitaria del Piano Sociale di Zona 2005-2007, che sia in grado di coinvolgere tutti i Comuni interessati.

Le parti concordano di rivedersi trimestralmente, al fine di verificare la concreta applicazione del protocollo d’intesa."

ARGOMENTI

EV

Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 18 febbraio 2006 - 1048 letture