utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO >

''Archi Live Quartet'': non è la solita musica. E il Liceo chiede il bis

2' di lettura
2000

Si chiude in bellezza al Liceo Classico e Scientifico "F. e M. Campana" di Osimo il progetto pluridisciplinare 'Il Secondo Novecento' che ha visto studenti e docenti protagonisti di lezioni di approfondimento sul secolo scorso con il grande concerto nell'Aula Magna dell' “Archi Live Quartet”.

di Michela Sbaffo
redazione@vivereosimo.it
Si è chiuso ieri con il concerto in Aula Magna del quartetto d’archi “Archi Live Quartet” il progetto “Il Secondo Novecento”, che, organizzato dai Licei Classico e Scientifico "F. e M. Campana" di Osimo, ha visto dal 6 al 10 febbraio studenti e docenti protagonisti di un singolare viaggio attraverso l’arte, la letteratura, la politica e le problematiche di un secolo tutto da ‘rileggere’.

Il quartetto, composto da musicisti professionisti che collaborano con le più importanti orchestre italiane e che sono membri della Fondazione Orchestra Regionale delle Marche (Alessandro Marra e Carmine Rizzi al violino, Ladislao Vieni alla viola e Federico Perpich al violoncello), ha intrattenuto gli alunni con una 'lezione-concerto' sulla musica del Novecento partendo da Gershwin per arrivare ai Police.

Hanno infatti spiegato ai ragazzi origine e storia di ogni brano: 'In the mood' di J.Garland; 'Un americano a Parigi' e 'I got rhythm' di G.Gershwin; 'Caravan' di D.Ellington; 'The pink panther' di H.Mancini; quindi 'Lady Madonna', 'Yesterday', 'Eleanor Rigby' di LennonMcCartney; 'Another Brick in the wall' dei Pink Floyd; 'Zirichiltaggia' di F. De André; 'Every breath you take' dei Police e 'Skylife' di D.Balakrishnan.

Molti gli alunni che, incuriositi, si sono fermati a conversare con i musicisti alla fine dello spettacolo; il prossimo appuntamento con l' “Archi Live Quartet" è il 24 Aprile al teatrino Campana.

Visita il sito dell' "Archi Live Quartet"!

Nelle immagini: un momento del concerto al Liceo; i componenti del quartetto.




ARGOMENTI

EV

Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 11 febbraio 2006 - 2000 letture