utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO >

CNA Osimo: presentate le osservazioni al PRG

2' di lettura
1195

La CNA Osimo, pur esprimendo l’urgenza di migliorare la viabilità, segnala le incongruenze emerse dallo stesso PRG: nonostante la stima di crescita della popolazione del Comune sia di 31.384 abitanti nel 2015, il PRG determina una capacità insediativa che supera addirittura i 47.000 abitanti.

da CNA Osimo
Lunedì 6 febbraio la CNA di Area Sud di Ancona ha deciso di depositare un documento sul PRG di Osimo (che verrà inviato alla stampa a giorni).

L’associazione di categoria, pur esprimendo l’urgenza di migliorare la viabilità, segnala le incongruenze emerse dallo stesso PRG e sollevate da molti tecnici.

Un esempio di queste incongruenze emerge dalla relazione sugli “Aspetti demografici e socio economici” presentata in allegato a questo PRG, dove vi è riportata la serie storica dei dati riguardanti l’andamento demografico del comune osimano.

In questo studio si evidenzia come la popolazione residente sia aumentata dal 1961 al 2004 di poco più di 7.000 abitanti. Secondo tale studio “la lettura dei dati registrati nei vari censimenti e quelli desunti dai dati anagrafici evidenziano un’evoluzione della popolazione che si sviluppa in modo lineare, con poche o nulle discontinuità. E’ apparso quindi ragionevole elaborare delle stime basandosi su delle proiezioni lineari degli andamenti registrati negli ultimi decenni…”

Per tale ragione la stima di crescita della popolazione del comune di Osimo, secondo tale studio, è di 31.384 abitanti nel 2015. Nonostante ciò, il PRG determina una capacità insediativa di più di 17.000 abitanti con una popolazione che dovrebbe raggiungere e superare i 47.000 abitanti.

La stessa relazione ammette l’irrealistico aumento di popolazione: “Il dato teorico di 47.596, derivante da una completa attuazione delle possibilità edificatorie dello strumento urbanistico, è senza dubbio assai più elevato rispetto alla stima di crescita della popolazione”.

“Tale studio evidenzia una dicotomia – dichiara il segretario di CNA Area Sud di Ancona Maurizio Bertini – una elaborazione che vede la prima parte condivisibile, dove i relatori del piano hanno “tenuto lezione” con proiezioni e dati oggettivi, e una seconda parte, fantasiosa e creativa, che però segnala evidenti lacune e la necessità di essere riesaminata se non totalmente riscritta".

Per tale ragione la CNA richiede il rifacimento completo dello studio demografico nella parte riguardante le proiezioni, ritenendo completamente prive di fondamento le motivazioni che spingono ad un incremento di 17.000 abitanti.


Immagine di repertorio

ARGOMENTI

EV

Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 10 febbraio 2006 - 1195 letture