utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO >

CNA Osimo: 'Molte perplessità sul PRG'

3' di lettura
1098

“Abbiamo ancora molte perplessità in merito – commenta Maurizio Bertini, segretario di CNA Area Sud di Ancona– stiamo studiando questo PRG e probabilmente presenteremo le nostre osservazioni che renderemo pubbliche alla cittadinanza a giorni”.

da CNA Osimo
Giovedì sera, presso la sala riunioni della CNA di Osimo, si è svolto un incontro sul PRG di Osimo. Alla riunione, organizzata per illustrare il piano agli imprenditori associati, erano presenti il Vicesindaco Simoncini e l'Architetto Strappato.

Il Segretario di Area Sud, Maurizio Bertini, ha introdotto la serata auspicando che non si ripeta più il processo di approvazione del piano che ha visto l’assenza delle associazioni di categoria nei tavoli di concertazione.

Inoltre Bertini ha illustrato i punti deboli del PRG che secondo l’associazione rischiano di minare questo piano. In primo luogo il segretario della CNA di Area Sud ha voluto rilevare il meccanismo anomalo delle ATS (Ambiti di Trasformazione Strategica).

Le ATS, secondo la CNA di Osimo, sono state predisposte con una superficie edificatoria tale da renderle “appetibili”, in modo da far sì che chi costruisca le abitazioni, costruisca anche le infrastrutture viarie.

Tale strumento, però, è soggetto a diversi ordini di problemi. La strada di bordo è stata suddivisa in più di 6 ATS: ciò determinerebbe che alcune di queste zone potrebbero risultare non economicamente vantaggiose per i costruttori e, di conseguenza, queste ATS potrebbero essere lasciate così come sono. Per tale ragione il rischio potrebbe essere quello di vedere nascere pezzi di strada non collegati tra loro e l’opera potrebbe non essere mai costruita se non con un dispendioso intervento dell’amministrazione pubblica.

Inoltre la strada richiesta dal Comune di Osimo non potrà mai essere una strada ad alto scorrimento, dato che le relative abitazioni previste dovranno pur riuscire ad immettersi in qualche arteria viaria per raggiungere i luoghi di lavoro. In questo modo avremo una nuova arteria viaria che prima ancora di nascere sarà intasata dal traffico.

Il Vicesindaco Simoncini ha risposto che effettivamente, in caso di una o più ATS non edificate, il relativo “pezzo” di strada dovrà essere costruito dall’amministrazione comunale.
Inoltre, sempre secondo Simoncini, la strada di bordo vuole in ogni caso essere un’arteria ad alto scorrimento: “la strada avrà sì due corsie, ma si prevede lo spazio per una corsia da entrambi i lati". Per tale ragione da ogni lato si lascerà una fascia di tolleranza da 10 m. “La soluzione ottimale – ha dichiarato Simoncini - sarebbe una bretella a 4 corsie, ma questo è quello che possiamo permetterci oggi”.

Molte le domande poste al Vicesindaco e all’Architetto autore del piano. La CNA di Osimo, d’altronde, non si dimostra ancora convinta della bontà di questo piano.
“Abbiamo ancora molte perplessità in merito – commenta Bertini – stiamo studiando questo PRG e probabilmente presenteremo le nostre osservazioni che renderemo pubbliche alla cittadinanza a giorni”.


Nella foto: Maurizio Bertini, segretario di CNA Area Sud di Ancona

ARGOMENTI

EV

Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 04 febbraio 2006 - 1098 letture